Vietti (Csm) minaccia Berlusconi: “Su Napolitano scherza col fuoco”

vietti_bruni

Il vicepresidente del Csm (nella foto con un’amica)

 

29 apr – Il ritorno in televisione dell’ex Cavaliere potrebbe costare caro al leader di Forza Italia. Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi sul suo affidamento in prova ai servizi sociali, rese nell’intervista andata in onda su La7 nel programma Piazzapulita, da quanto si è appreso, sono al vaglio del Tribunale di Sorveglianza di Milano che lo scorso 15 aprile gli ha concesso la misura alternativa alla detenzione domiciliare. L’ex premier potrebbe rischiare, come prevedono le normative, una “diffida”. In sostanza potrebbe essere convocato dall’assistente sociale dell’Uepe, l’ufficio esecuzione penale, per essere ‘ammonito’ e invitato a comportarsi in modo consono alle prescrizioni imposte dal Tribunale di Sorveglianza.

Vietti (Csm): “Su Napolitano scherza col fuoco” – “Chi pensa di far campagna elettorale utilizzando il presidente della Repubblica scherza col fuoco”. Così il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, risponde a chi gli chiede un commento sulle ultime esternazioni di Silvio Berlusconi sul capo dello Stato. “Napolitano è sempre stato e continua ad essere per tutti gli italiani – sottolinea Vietti – la garanzia del corretto rispetto delle regole e dell’equilibrio tra poteri. Il mio consiglio è: scherziamo con i fanti e lasciamo stare i santi”.

Per conoscere meglio Napolitano clicca qui NAPOLITANO TELEFONA A FINI

 



   

 

 

2 Commenti per “Vietti (Csm) minaccia Berlusconi: “Su Napolitano scherza col fuoco””

  1. Non per contraddire il sig. Vietti ma, o vive in un altro paese o ha seri problemi di comprensione della reale situazione, Napolitano, che io personalmente non riconosco come Presidente perchè illegittimo, non si è finora sicuramente comportato quale garante della democrazia avendo avallato 3 governi non eletti e tutte le porcate dei vari partiti e di un parlamento lottizzato da ogni genere di lobbies, composto da una gran parte di indagati ed illegittimo anch’esso.

  2. Egregio Vietti, quando lei parla del capo dello stato dicendo:… continua ad essere per tutti gli italiani la garanzia del corretto rispetto delle regole e dell’equilibrio tra poteri, cerchi di parlare in singolare e non in plurale.
    Nel ns. ordinamento, è stato abolito il porcellum…eppure al governo ci sono usurpatori che fanno leggi…e il suo capo dello stato firma!!!
    Quindi le sciocchezze e il pluralismo, lo vada a raccontare alla casta, non a noi ITALIANI!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -