Berlusconi: Napolitano convinse Fini a far cadere mio governo, ci sono 12 testimoni

fini-napolitano

 

25 apr – “Fini ha fatto quello che ha fatto perché è stato convinto da qualcuno, ossia del capo dello Stato, che avrebbe fatto il premier” al posto mio. Lo dice Silvio Berlusconi a Porta a Porta, ricostruendo quello che accadde nell’inverno del 2010.

“Ci sono 12 testimoni che hanno sentito la voce del Capo dello stato messo in viva voce – sostiene – da Gianfranco Fini”.

Silvio Berlusconi attende la seconda metà di Porta a porta, teatro del grande ritorno in tv, per lanciare una bomba clamorosa sul grande nemico Gianfranco Fini, passato alla storia del Pdl come il “traditore” per antonomasia, ma soprattutto sul Quirinale.

Quei mesi tumultuosi che chiusero il 2010, quando Fini lasciò Berlusconi per fondare Futuro e Libertà e sfiduciare il governo di centrodestra, sono ancora vivissimi nella mente del Cavaliere e dei suoi fedelissimi. E come un anno dopo, quando a Palazzo Chigi arrivò Mario Monti, secondo l’ex premier la regia fu di Giorgio Napolitano anche allora, quando molti a sinistra si illusero di poter dare una spallata al Cav puntando sul suo ex delfino.

Illusione, appunto, anche se parlando di “complotti” forse non avrebbero dovuto attendere a lungo. Nel novembre 2011, dopo la caldissima estate dello spread, arrivò la manina dei grandi centri di potere economico-finanziari internazionali. Come detto, allora Fini era già acqua passata e il nuovo cavallo era il Professore. Come andò a finire, lo sanno tutti. liberoquotidiano



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -