Pakistan: cristiano condannato a morte per aver insultato Maometto

Pakistan

 

Lahore (Pakistan), 27 mar. – Nuovo caso di un cristiano condannato a morte per blasfemia in Pakistan dove la il 97% della popolazione e’ musulmana.
Sawan Masih e’ stato condannato per aver “insultato il Profeta Maometto” (reato punibile con la morte in Pakistan) durante quella che aveva descritto come una conversazione con amici musulmani in un sobborgo di Lahore, Joseph Colony, a marzo dello scorso anno. Episodio che innesco’ violente manifestazioni ma senza causare vittime.

Naeem Shakir, uno dei legali di Masih ha reso noto che “il giudice ha comminato la pena capitale per lui”, contro la quela, “ci appelleremo all’Alta Corte di Lahore”. L’uomo si e’ dichiarato innocente sostenendo che e’ stato incastrato con l’accusa di blasfemia per quella che era in realta’ una disputa per la proprieta’ di un edifico con i suoi ‘amici‘.
Un rapporto del dipartimento di Stato Usa ha rivelato come il Pakistan sia il Paese che usa di piu’ al mondo la legge contro la blasfemia: sono 14 i condannati nel braccio della morte e 19 stanno scontando l’ergastolo per lo stesso reato.
Nel Paese vige una moratorio de facto sulle impiccagioni dal 2008. L’unica eccezione e’ stato un soldato giustiziato su ordine della corte marziale (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -