Livorno: Comune censura associazione che promuove matrimonio uomo-donna

MATRIMLIVORNO, 26 mar -. Il Comune boccia la richiesta di una associazione pro-famiglia dai soggetti promotori di iniziative formative del progetto Scuola Città e la cosa deve aver fatto andare su tutte le furie la curia di monsignor Giusti su Avvenire, il quotidiano dei vescovi italiani, ne ha fatto una delle storie-clou.

Tutta colpa del fatto – sbotta il giornale della Chiesa – che l’associazione ha scritto nel proprio statuto che “l’unica forma familiare possibile è quella fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e sulla reciproca fedeltà, oggi attaccata da modelli familiari alternativi”. Aggiungendo poi polemicamente che “tra i 41 progetti accreditati (che spaziano dalle bolle di sapone al mondo delle barche), non ci sarà quindi “Conosci il tuo cuore?!”, programma rivolto all’educazione dei preadolescenti”.

Da Palazzo civico, nella motivazione indicata dallo staff tecnico nel respingimento della domanda, – viene fatto rilevare – si giudica il progetto come “poco congruo”: si tratta, insomma, di “una proposta segnatamente orientata sul piano culturale ed ideologico” rispetto a “un programma rivolto alla scuola di oggi, in cui sono presenti bambini/ragazzi appartenenti a famiglie eterogenee per composizione, cultura, valori”. E dal fronte cattolico arriva la frecciata: “ritenere la famiglia una società naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, per il Comune di Livorno sarebbe ideologico”.

Il giornale dei vescovi ironizza anche su una ulteriore ragione addotta dallo staff municipale per respingere il progetto. L’impostazione “poteva creare disagio in bambini/ragazzi educati con diverse sensibilità”: “Come se questi bambini/ragazzi – è la replica – non fossero tutti, a loro volta, figli di un padre e di una madre e di un’unione, che, comunque, non era oggetto del progetto presentato al Comune”.

Dall’associazione I Baluardi si dicono “sbalorditi”: è un progetto che “riprende un formula diffusa a livello europeo”, l’associazione “è riconosciuta in tutta la Toscana e da tempo offre incontri di approfondimento e orientamento anche per le scuole”.

E poi: “ideologico” il matrimonio fondato sull’unione tra un uomo e una donna? E’ legge dello Stato, anzi lo dice la Costituzione, dichiara l’avvocato Massimo Cenerini, collaboratore dei Baluardi. Senza contare – aggiunge – che la partecipazione “sarebbe stata una libera scelta dei ragazzi e dei genitori”, fuori dall’orario scolastico obbligatorio, e dunque “i ragazzi che avrebbero potuto sentirsi “a disagio” avrebbero avuto anche piena libertà di non partecipare”. […] ILTIRRENO



   

 

 

2 Commenti per “Livorno: Comune censura associazione che promuove matrimonio uomo-donna”

  1. loriana bigozzi

    Sarebbe un errore mettere la questione sul piano della pluralità culturale. Si tratta di qualcosa di molto più importante. Perché posso anche accettare che esistano modelli familiari diversi da quello tradizionale, ognuno fa della propria vita ciò che vuole, ma non accetto che tali modelli debbano essere istituzionalizzati con progetti finanziati anche dai miei soldi e soprattutto non voglio che i fautori di questi modelli arrivino a violentare le coscienze dei bambini, dei giovani, degli adolescenti. Voglio che il mondo sia imperfetto, che neghi ad alcuni per stimolare l’intelligenza di tutti.

  2. Propongo di telefonare in massa al sindaco de sto comune per dirgli che non siamo d accordo con queste prese di posizione anticostituzionale e quindi pure da ignoranti . Farò lo stesso con tutte le scuole che hanno abbolito la festa della mamma e del papà…..non mi costa nulla neanche di telefono e voglio sentire con le mie orecchie i farfugli di sti signori ….devono vergognarsi !

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -