Carcere Vicenza. Calci, termosifoni spenti e insulti razzisti: indagati 15 agenti

carcere26 mar – Avvisi di garanzia per abuso di autorità nell’ambito di un’inchiesta avviata dalla procura di Vicenza, dopo alcune denunce dei detenuti. Sono quindici gli agenti coinvolti nella vicenda messa in risalto dalla parlamentare radicale Rita Bernardini

Deputata radicale coltiva marijuana sul terrazzo

Coltiva marijuana sul terrazzo, diventa segretaria dei radicali

Deputata radicale Rita Bernardini pianta semi di cannabis alla Camera

Stiamo parlando del San Pio X di Vicenza: qui cinque detenuti hanno fatto denuncia e raccontato alla stampa locale di calci, pugni e altre violenze fisiche e psicologiche. E poi gli abusi: sistema di riscaldamento spento in pieno inverno e insulti razzisti.

I 15 AGENTI non nascondono la loro rabbia parlando di «carriere infangate» da «accuse prive di logica» e «calunniose» mosse da «persone prive di credibilità». I 15 poliziotti della penitenziaria indagati dalla procura per abuso di autorità nei confronti di almeno 5 detenuti si mettono «nelle mani della magistratura» certi che «farà chiarezza» e ridarà loro «la dignità che sentono perduta».

Il caso è iniziato a emergere nel 2012 quando la radicale Rita Bernardini aveva effettuato una visita proprio nell’istituto penitenziario, dove ha incontrato un detenuto africano, che le ha raccontato di essere stato picchiato. Le violenze poi furono confermate da altri detenuti.

Dopo la visita il 29 novembre 2012 la parlamentare radicale presentò un’interpellanza urgente alla Camera dei Deputati “volta a garantire il rispetto della disciplina sull’ordinamento penitenziario e dei diritti dei detenuti nel carcere di Vicenza”: “Le ho viste con i miei occhi: la gente non aveva nemmeno da vestirsi. Voi riuscite a immaginare che significa stare in una cella di 9 metri quadrati in tre con due letti a castello e un letto messo di traverso?”.

Adesso la procura di Vicenza nell’ambito dell’inchiesta sentirà anche i detenuti che hanno sporto denuncia, gli stessi che aveva confidato all’onorevole le terribili vessazioni subite. Il carcere era già noto alle cronache locali per le polemiche suscitate dalle condizioni di detenzione: “Quello di Vicenza è un piccolo carcere ma non mancano punte di gravissimo sovraffollamento detentivo e carenze strutturali e si connota per il livello a dir poco scadente delle relazioni sindacali che di certo non agevola il lavoro degli appartenenti alla Polizia penitenziaria” aveva dichiarato poco tempo fa alla stampa Leonardo Angiulli, leader regionale del sindacato Uil di polizia penitenziaria.

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -