Salvini: Finché ci sarà un disoccupato italiano, non deve entrare piu’ un solo immigrato


Finché ci sarà un disoccupato italiano, non… di MatteoSalvini

salvini224 mar – Mentre il 42% dei giovani italiani è disoccupato, è’ stato cancellato un articolo  del 1931 secondo il quale il personale di ferrovie, tramvie, autolinee e linee di navigazione interna doveva essere necessariamente cittadino italiano. Si tratta di una norma, che già diversi tribunali avevano dichiarato implicitamente abrogata, perché discriminatoria. Molte aziende di trasporti, però, continuavano a ritenerla valida, escludendo gli stranieri dai loro bandi di assunzione.

Sono 4,1 milioni, tra famiglie e separati, gli italiani che nel 2013 sono stati costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare, con un aumento del 10 per cento sullo scorso anno e del 47 per cento rispetto al 2010, ovvero ben 1.304.871 persone in piu’ negli ultimi 3 anni.

 



   

 

 

2 Commenti per “Salvini: Finché ci sarà un disoccupato italiano, non deve entrare piu’ un solo immigrato”

  1. Bravo salvini, sono orgoglioso che tu sia il segretario della Lega Nord, ci voleva uno con le palle. Quelli che ti criticano, adducendo le solite stronzate perchè non hanno altri argomenti, sono solo servi del sistema mondialista e traditori del popolo. A proposito di stranieri in Italia basti pensare che domenica alle ore 22,00 sulla Metro 1 di Milano gli italiani presenti saranno stati, forse, il 30%.

  2. Io invece penso che finchè un Italiano è disoccupato dobbiamo allontanare uno straniero !
    Su questo argomento ( ed anche sugli altri ) non dobbiamo accettare ingerenze europee !
    Se altri paesi europei ci criticano stiano pronti ad accogliere tutti gli immigrati che espelliâmo ……….. con i forconi !
    Eccezzione per gli immigrati cinesi che al contrario degli africani/sudamenricani/Esteuropei hanno veramente voglia di lavorare e non di approfittare di sussidi o delinquere !

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -