Nigeria, “casa degli orrori”: persone incatenate e ridotte alla fame accanto a scheletri e cadaveri decomposti

nigeria

LAGOS, 23 MAR – In una proprietà abbandonata di Ibadan, in zona Idi Mangoro sono state trovate una quindicina di persone incatenate dopo essere state rapite .

Una misteriosa “casa degli orrori”, con decine di persone incatenate e ridotte alla fame accanto a scheletri e cadaveri decomposti, è stata scoperta in un edificio abbandonato alla periferia della città di Ibadan, a nord di Lagos, dalla polizia nigeriana, che pensa si tratti di persone rapite, forse per rituali di magia nera.

“Nell’edificio abbiamo visto corpi in decomposizione, scheletri e teschi, sia  nell’ immobile che nella boscaglia intorno”, ha dichiarato la polizia dello stato di Oyo.

La scoperta è stata fatta mentre alcune persone stavano cercando un loro familiare scomparso , un pilota Okada , e si sono avvicinate alla costruzione, situata in una parte non sviluppata della comunità, da dove si udivano voci.

Entrando nell’edificio, le persone che hanno fatto la scoperta, hanno riferito che i prigionieri erano fortemente malnutriti , uno di loro sembrava uno scheletro e sembrava che stesse per morire, a bocca aperta , mentre gemeva per il dolore con le mosche che aleggiavano intorno alla bocca , al naso e agli occhi .

nigeria1

Ossa umane sono state ritrovate all’interno di un pozzo di fronte al palazzo di otto stanze, appartenente all Ponti Construction Company . L’edificio accanto , si è appreso, era di proprietà della Blackhorse Plastic Company .

Inoltre, molte scarpe, borse , vestiti e altri accessori sono stati trovati in due contenitori.

Una delle persone incatenate ha detto di essere un funzionario dell’immigrazione. Una donna ha detto di aver partorito da poco e che le era stato portato via il suo bambino. Alcuni di loro hanno detto che erano  lì da due anni, mentre altri hanno detto sette mesi.

Un  leader della comunità , il dottor Akeem Amodu , docente presso la City University ha detto al Domenica Tribune : ” Verso le 10:45 , ho ricevuto una chiamata da un vicino di casa che mi ha informato della scoperta nella nostra comunità . Quando sono arrivato , ho scoperto che quei poveretti non erano pazzi come sembravano, ma malnutriri e parlavano Yoruba e inglese fluente. Erano circa 15. Questo ci ha spinto ad avvisare il presidente del governo locale “.

Uno dei detenuti ha detto di chiamarsi Tunji Alabi e di essere un direttore d’orchestra prima di essere rapito e portato alla casa- Ha detto che aveva trascorso lì sette mesi. Le vittime sono state soccorse e portate in ospedale.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -