Roma, cartello: “vietato l’ingresso agli zingari”. Infuria la polemica

zingari21 mar – Nel popolare quartiere Tuscolano a Roma compare sulla vetrina di un negozio il cartello: “È severamente vietato l’ingresso agli zingari”.

L’Associazione 21 luglio paragona il cartello attaccato alla porta di una frequentata panetteria alla discriminazione degli ebrei nella Germania nazista e a quella dei neri, in Sudafrica durante l’Apartheid.

Dopo le segnalazioni e la pubblicazione sui social network del contestato cartello, il negozio ha provveduto a rimuoverlo. Ma le polemiche non si sono per questo placate.

E’ stata recapitata sull’argomento una lettera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano per esprimere “profonda preoccupazione per il livello di conflittualità e ostilità che si registra nei confronti delle comunità rom e sinte e per l’emergenza democratica e civile che attraversa il nostro Paese”

L’Associazione 21 luglio:

A Roma ‘E’ severamente vietato l’ingresso agli zingari’ come lo era a Berlino per gli ebrei e a Soweto per i neri? Oppure siamo forse cosi’ assuefatti a una certa terminologia da ritenerla innocua e non percepire piu’ la gravita’ di alcune affermazioni? Livelli cosi’ alti di ostilita’ verso rom e sinti – conclude il comunicato- sono la conseguenza delle politiche discriminatorie e segregative che le istituzioni italiane attuano nei confronti di tali comunita’, nonostante i ripetuti richiami delle autorita’ europee”.​

www.today.it



   

 

 

1 Commento per “Roma, cartello: “vietato l’ingresso agli zingari”. Infuria la polemica”

  1. Ma io che sono il proprietario di un locale, posso far entrare chi mi pare e piace? E’ un dato di fatto, la gente che vive sulle spalle degli italiani è diventata insopportabile. Volete integrazione, case e lavoro? Andate a zappare, portate la pagnotta a casa legalmente e vedrete che nessuno vi dirà nulla ma siccome in Italia i perbenisti stanno aumentando sempre più, si tutela gente che alla fine dei fatti va in giro a rubare…vogliamo poi parlare di quel giudice che non ha condannato perchè il ragazzo è stato cresciuto con quella che bisogna rubare? Facciamola finita va!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -