Casa famiglia dell’orrore: Bimbi costretti a mangiare sapone e inginocchiarsi sui sassi

bimboTREVISO, 13 mar – Una coppia trevigiana responsabile della gestione di una comunità protetta alla quale negli anni sono stati affidati dalla magistratura vari bambini sottratti alle famiglie d’origine, comparirà di fronte ai giudici del tribunale di Treviso il prossimo autunno, per rispondere dell’accusa di maltrattamenti.

I coniugi, tecnicamente definiti «genitori affidatari», secondo le ipotesi di reato avrebbero punito in modo troppo severo, con violenze fisiche e psicologiche, alcuni piccoli sulle cui testimonianze si fonda parte dell’incriminazione della Procura della Repubblica. I fatti contestati sarebbero in particolare contenuti nei resoconti di quattro ospiti e risalgono ad un periodo compreso fra il 2009 ed il 2011. I piccoli, puniti per una loro eccessiva esuberanza, sarebbero stati costretti a ingerire scaglie di sapone e a inginocchiarsi su sassolini ed oggetti spigolosi.



   

 

 

2 Commenti per “Casa famiglia dell’orrore: Bimbi costretti a mangiare sapone e inginocchiarsi sui sassi”

  1. IN GALERA A MANGIARE SAPONE E BERE NIVEINA !

  2. Mi chiedo perchè tenere queste pseudo case aperte?!?!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -