Venezuela: violente proteste. Maduro accusa ingerenza degli Usa

 

venez27 mar – Venti morti in mese di proteste, un Paese isolato e un presidente che non riesce a dare risposte al disagio della piazza. Ad un anno dalla morte di Hugo Chavez, il Venezuela sembra essere sfuggito di mano a Nicolas Maduro.

Il leader venezuelano – sostenuto solo da Cuba che denuncia un’ingerenza degli Stati Uniti – ha chiesto un vertice dell’Unione delle Nazioni Sudamericane, che si potrebbe tenere martedì prossimo in Cile.

“Chiedo alla gente di non lasciarsi distrarre – ha detto ripreso dalla tv di Stato mentre fa visita a una famiglia della capitale – Dobbiamo seguire la via della pace. L’ho detto e lo ripeto ancora una volta: ‘Il fuoco della candela si estingue’ e io non tollererò insurrezioni”.

La rivolta anti-chavista è nata da una protesta studentesca contro l’inflazione, la carenza di generi di prima necessità e la criminalità. Maduro parla di “tentativo di colpo di Stato” incoraggiato da Washington, ma ha aperto alla possibilità di un dialogo con l’opposizione, che ha declinato l’offerta. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -