Prostituzione maschile, cliente ricattato da rumeno: “O mi dai soldi, o dico che sei gay”

prostBologna, 7 mar – Una storia non isolata in cui un uomo omosessuale, dopo aver cercato del sesso a pagamento, è stato ricattato e rapinato sotto la minaccia di far sapere a tutti che è gay. E’ avvenuto dopo alcuni incontri presso l’ex manifattura tabacchi, dove notoriamente si prostituiscono degli uomini. Un paio di appuntamenti intimi a casa della vittima- un bolognese sui 45 anni- ed è scattata una vera e propria persecuzione ai suoi danni, finita oggi con l’arresto del pregiudicato, classe 1985.

I FATTI: RAPPORTI SESSUALI A PAGAMENTO, POI LE MINACCE. Il 45enne bolognese aveva incontrato il giovane rumeno all’ex manifattura tabacchi, dove spesso uomini gay trovano compagnia in cambio di denaro: dopo un primo approccio i due erano andati a casa del primo per avere maggiore intimità. Secondo incontro fra i due, stessa dinamica: si incontrano e vanno poi nell’appartamento del bolognese. Ma stavolta, dopo aver consumato il rapporto, al pagamento dei 200 euro concordati segue un’ulteriore richiesta di denaro, seguita da minacce con coltello da cucina. A quel punto il rumeno chiede alla vittima di andare insieme al bancomat, per fare un prelievo e gli prende persino i 20 euro che aveva nel portafogli.

CALCI E PUGNI SOTTO CASA: “PAURA CHE AL LAVORO SI SAPPIA CHE SONO GAY”. Il rumeno non molla: telefonate continue (i due si erano scambiati il numero di telefono) e persino appostamenti sotto casa con calci e pugni alla porta: “Se non mi dai 500 euro, dico a tutti che sei omosessuale”. Dalla Questura di Bologna fanno sapere che non si tratta certo di un unico caso: “Sono tante le persone che incappano in situazioni analoghe e hanno timore di denunciare i fatti per ragioni legate alla privacy. All’ex manifattura si prostituiscono persone che hanno alle spalle situazioni davvero difficili”. Risultano tanti i casi analoghi.

L’ARRESTO. Il ragazzo rumeno è stato rintracciato attraverso un’approfondita raccolta di informazioni ed è stato finalmente ammanettato mentre riposava ospite di un connazionale cha fa il badante per un anziano. Proprio nell’appartamento dell’anziano, in zona Ospedale Maggiore, l’incursione degli agenti e il trasporto alla Dozza, dove ora è recluso l’uomo, con l’accusa di rapina ed estorsione. Su di lui pesano precedenti contro il patrimonio.

I TEMPI. Risale al 22 gennaio 2014 la prima minaccia, il 30 gennaio la chiamata alla Polizia da parte della vittima e il 24 febbraio la convocazione per ricostruire l’accaduto. La settimana scorsa, il 28 febbraio, l’arresto da parte della Polizia, dopo una serie di indagini incrociate per risalire all’uomo senza fissa dimora.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -