Servizi segreti: in Italia alto il rischio di attentati di matrice jihadista

jihadista

 

4 mar – Secondo gli analisti dei servizi segreti in Italia sarebbe ancora alto il rischio di attentati di matrice internazionale. A preoccupare, in particolare, è la matrice jihadista che, secondo i servizi, “resta collegata nella sua dimensione ‘domestica’ al cosiddetto jihad individuale, per l’eventualità di un’autonoma attivazione, specie sulla spinta della propaganda qaidista on line, di elementi isolati o microgruppi motivati a colpire la società occidentale ‘dall’interno’”.

In particolare “elementi di rischio potrebbero derivare dal possibile ridispiegamento nel nostro Paese di reduci provenienti dai teatri di jihad, potenzialmente intenzionati ad impiantare filiere radicali o a condurre progetti di attacchi di Europa”. Ma un’altro campo nel quale i servizi effettuano monitoraggio è quello dei flussi migratori e del conseguente rischio che arrivino potenziali terroristi. Tuttavia al momento “non sono emersi significativi elementi di riscontro”.

Ben diversa la situazione sul versante interno dove, anche a causa della crisi e dell’instabilità politica, le tensioni si acuiscono di giorno in giorno. Per questa ragione secondo i servizi di informazione e sicurezza la minaccia terroristica di matrice anarcoinsurrezionalista sarebbe, al momento, “la più presente ed insidiosa, per l’ampiezza sia della gamma dei potenziali obiettivi sia dei collegamenti internazionali, teoricamente in grado di agire da moltiplicatori del rischio”.

www.fanpage.it



   

 

 

1 Commento per “Servizi segreti: in Italia alto il rischio di attentati di matrice jihadista”

  1. Naturale, quando ci ritroviamo con un’immigrazione selvaggia…senza limiti…imposta dai poteri forti con il fine di attuare il Piano Kalergi…tutto sembra auspicare che per far posto a loro dobbiamo soccombere od andarcene…quando abbiamo un onorevole che al suo Paese è ritenuto un terrorista, mentre in Italia si ‘prodiga’ ad insegnarci come comprendere ed accettare meglio le loro usanze, cioè, NOI dobbiamo integrarci a loro?Propone di mandare i nostri bambini a scuola di corano…senza contare gli scambi di messaggi e le ‘prediche’ degli Imam contro i cristiani!!! Cos’è successo in Siria l’anno scorso? Hanno assassinato villaggi interi di famiglie cristiane! Se non si blocca questa situazione ed i potenziali violenti non si rimandano al di là del mare, SENZA PERDERE TEMPO, potremmo davvero trovarci con questi terroristi che vogliono prendersi non solo l’Italia, ma anche tutta l’Europa!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -