Delitto via Poma, la Cassazione assolve Busco in via definitiva

simon26 febbr – Raniero Busco è stato definitivamente assolto dall’accusa dell’omicidio di Simonetta Cesaroni. Lo ha stabilito la I sezione penale della Cassazione che, dopo tre ore di camera di consiglio, ha respinto il ricorso presentato dalla Procura di Roma e dai famigliari di Simonetta Cesaroni, massacrata con 29 coltellate il 7 agosto 1990.

In particolare, la I sezione penale della Cassazione presieduta da Umberto Giordano ha confermato la sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Roma del 27 aprile 2012 che aveva assolto l’ex fidanzato della Cesaroni ‘per non aver commesso il fatto’. Dopo 24 anni si chiude definitivamente il sipario sulla vicenda per la quale Busco era stato l’unico indagato. In primo grado la Corte d’Assise di Roma (26 gennaio 2001), lo aveva condannato a 24 anni. I giudici di primo grado avevano ritenuto che il morso ritrovato sul seno sinistro della vittima fosse la firma dell’assassino. Tesi smentita in secondo grado e oggi confermata dalla Cassazione.

Il il sostituto procuratore generale della Cassazione Francesco Salzano aveva chiesto di annullare l’assoluzione accordata in secondo grado a Busco, sollecitando, ai giudici della I sezione penale, l’annullamento con rinvio della sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Roma del 27 aprile 2012.

In particolare, a detta del pg, non è stato in alcun modo esaminato il morso sul seno sinistro della 21enne assassinata. “Il calco acquisito non è mai stato esaminato – ha denunciato Salzano – come pure non è stata spiegata l’origine delle lesioni al seno”. Inoltre “non è convincente” l’alibi fornito da Busco.



   

 

 

1 Commento per “Delitto via Poma, la Cassazione assolve Busco in via definitiva”

  1. Dagli anni ’90? O mamma mia…una tartaruga è più veloce!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -