Saviano: “mi domando se finirò in un ospedale psichiatrico”

saviano

17 FEB – “Me he arruinado la vida. Non credo sia nobile aver distrutto la mia vita e quella delle persone che mi circondano per cercare la verità. Avrei potuto fare lo stesso, con lo stesso impegno, con lo stesso coraggio ma con prudenza, senza distruggere tutto. Invece sono stato impetuoso, ambizioso”. E’ amara la confessione di Roberto Saviano, che a dieci anni dalla pubblicazione di Gomorra e dalla conseguente condanna a morte della camorra, rivela il suo dramma umano in un’intervista a El Pais, ripresa da Il mattino.

Il calvario di un uomo costretto a vivere in esilio, in luoghi segreti, traspare tutto dalla risposta alla domanda: ne è valsa la pena? “No – risponde lo scrittore -. E so che quando lo dico, qualcuno può pensare: che codardo. Vale la pena cercare la verità e vale la pena arrivare fino in fondo, ma proteggendoti”. “Bisogna considerare che non posso disporre della mia vita senza chiedere autorizzazione – spiega -. Né uscire o entrare quando voglio, né frequentare le persone che voglio senza doverle nascondere nel timore di rappresaglie. A volte mi domando se finirò in un ospedale psichiatrico”.

“Sul serio – conferma -. Già adesso ho bisogno di psicofarmaci per tirare avanti e non era mai accaduto prima. Non ne faccio abuso, ma a volte ne ho necessità. E questa cosa non mi piace per nulla. Per questo spero che prima o poi finisca”.

“Il mio dramma interiore è – confessa ancora -: avrei potuto aver fatto tutto questo ma senza mettere a rischio tutto. Perché, qual è il problema? Se tu anteponi un obiettivo, la verità, la denuncia, a qualunque altra cosa della tua vita, diventi un mostro. Un mostro. Perché tutte le tue relazioni umane e professionali sono orientate a ottenere la verità. Forse alla fine sarà nobile, una cosa generosa. Tuttavia la tua vita non si converte in generosa, Le relazioni diventano terribili”.ansa

I MOTIVI DEL MALESSERE DI SAVIANO

Plagio in Gomorra: Roberto Saviano condannato a pagare 60mila euro

Gip di Roma: imputazione coatta per Roberto Saviano, Mauro e Viviano

Roberto Saviano accusato di plagio, richiamato da Rossi con una lettera-denuncia

Saviano condannato per diffamazione, non paga la pagina della sentenza

Un’altra condanna per Saviano, stavolta per diffamazione in Gomorra

Saviano, lo skipper francese gli fa causa: “Mi ha diffamato, ritirate Zero Zero Zero”

Saviano: “Mi chiamava la mamma di Impastato”, ma non era vero niente



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -