Nigeria: continua la strage di cristiani, 63 morti. Alcuni sgozzati

nigeria16 FEB – Uomini armati hanno ucciso decine di persone, almeno 60, in maggioranza cristiani, nel nord-est della Nigeria. Lo hanno dichiarato questa mattina fonti locali. “Secondo le ultime informazioni di cui dispongo sono state uccise più di 60 persone. Ma devo ancora verificare queste informazioni fornite dagli abitanti”, ha detto Maina Ularamo, responsabile regionale dell’area dove è avvenuto l’attacco, il villaggio di Izghe.

(LaPresse/AP) – Almeno 63 persone sono state uccise nella notte in Nigeria da sospetti militanti islamici nel villaggio di Izghe, nello Stato nordorientale del Borno, al grido di ‘Allah è grande’. Lo riferisce uno dei sopravvissuti, spiegando che le vittime sono state sgozzate o uccise a colpi d’arma da fuoco e che gli aggressori, dopo avere rubato scorte di cibo, sono fuggiti a bordo di 10 veicoli.

Maina Ularamu, presidente del governo locale, ha invece riferito ad Associated Press di oltre 50 morti. I sopravvissuti raccontano di essere fuggiti a piedi dal Borno all’Adamawa. Si tratta di due dei tre Stati del nordest della Nigeria in cui vige lo stato d’emergenza, dichiarato dal governo per fermare la violenta rivolta della setta radicale islamica Boko Haram, in corso da quattro anni. La zona è abitata perlopiù da cristiani.

I militanti di Boko Haram attaccano abitualmente i civili dopo che vengono attaccati dall’esercito. Mercoledì l’aviazione nigeriana ha cominciato bombardamenti aerei quotidiani sui nascondigli degli estremisti nei nascondigli vicino Izghe, nella foresta Sambisa, lungo il confine con il Camerun. I soldati sono avanzati poi a piedi dopo i bombardamenti e almeno nove di loro e diversi militanti sono rimasti uccisi in alcune ore di feroci scontri, secondo quanto riferiscono fonti militari e ospedaliere. Dopo l’attacco le autorità locali hanno chiesto all’esercito di dispiegare più truppe, dicendo che i militanti sono più numerosi dei soldati e dotati di armi antiaeree e auto blindate. Decine di soldati sono arrivati di stanza negli ultimi giorni nella città di Madagali, a circa 30 chilometri dall’attacco di stanotte.

Il Papa intanto si occupa delle chiacchiere

“Le chiacchiere uccidono le persone”. Lo ha detto Papa Francesco durante la recita dell’Angelus. “All’inizio – ha aggiunto il Pontefice – può sembrare una cosa piacevole, come una caramella. Ma poi le chiacchiere lasciano un gusto amaro che avvelena le persone. Se facessimo il proposito di abbandonare le chiacchiere potremmo diventare santi”. “E’ una bella strada. Noi vogliamo diventare santi, vero?”, ha chiesto Bergoglio ai fedeli in piazza.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -