Maro’, Corte Suprema: “rischio crisi diplomatica internazionale non ci importa”

maro-cella

11 feb. – Sul caso maro’ la Corte Suprema decidera’ “in base al diritto, non preoccupandosi delle conseguenze sul piano delle relazioni internazionali”. Con questo avvertimento il presidente della Corte, B.S Chauhan, ha dato appuntamento a lunedi’ prossimo ad accusa e difesa, che ieri nel corso dell’udienza non sono riusciti a trovare un accordo sull’opportunita’ di incriminare i due maro’ italiani in base alla legge anti-pirateria (seppure in una versione ammorbidita, cioe’ senza prevedere la pena di morte ma con una previsione di pena massima di 10 anni). Lo scrive l’Indian Express dando conto nel dettaglio dell’udienza che si e’ tenuta ieri dinanzi alla Corte Suprema e al termine della quale il presidente Chauhan ha dato appuntamento alle parti al 18 febbraio.

Considerata l’impossibilita di trovare una soluzione amichevole tra le parti, scrive il quotidiano, sara’ dunque la Corte Suprema ad avere la parola finale sul contenzioso. Nel corso della seduta infatti le parti si sono fronteggiate ripetendo le posizioni: l’avvocato della difesa, Mukul Rohatgi, ha ricordato che il Sua Act, la legge anti-pirateria indiana, e’ stata concepita per i pirati e non per militari quali sono Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Il procuratore generale Vahanvati ha invece sostenuto che il Sua Act va mantenuto nel capo d’accusa, seppure solo con una previsione di pena massima di 10 anni se i due verranno ritenuti colpevoli; e anzi, a questo proposito, quando il giudice gli ha chiesto un chiarimento sul rischio comunque di pena di morte considerato il mantenimento della Sezione 302 del Codice penale, Vahanvati ha ricordato che in realta’ questo accadrebbe solo se il reato fosse considerato “tra i piu’ rari dei rari”. Di fronte dunque all’impossibilita’ di trovare un accordo tra le parti, il giudice ha deciso che scegliera’ lui e solo in base al diritto: “Se decidiamo in base al merito, non ci preoccuperemo delle conseguenze sulle relazioni internazionali.
Decideremo rigorosamente in base alla legge”. agi



   

 

 

1 Commento per “Maro’, Corte Suprema: “rischio crisi diplomatica internazionale non ci importa””

  1. Giovanni Bacci di Capaci

    Cavolo, il SUA Act prevede di non poter essere applicato per “ship owned or operated by a State as a naval ausiliary or for customs or police purposes”… e l’Enrica Lexie, nal momento in cui è scattato l’allarme anti pirati (e limitatamente alle operazioni anti pirateria) è passata sotto il controllo del Comandante del Nucleo Militare di Protezione (che in tale frangente è Ufficiale di Polizia Giudiziaria). Ne consegue che al momento (eventuale) dei “fatti” l’Enrica Lexie era “ship operated by a State for police purposes” e che la legislazione derivante dal SUA non può essere applicata!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -