In GB vietato bere alcol in gravidanza, però si puo’ abortire. Femministe allarmate

incinta5 febbr . Bere alcol in gravidanza, danneggiando così il nascituro, potrebbe diventare un’azione criminale sanzionabile penalmente; abortire, ponendo termine alla vita del nascituro, invece no. È il paradosso a cui rischia di andare incontro il Regno Unito, a causa di un processo già arrivato al processo di appello.

L’ACCUSA. Al centro della contesa c’è una bambina di sei anni, il cui nome non è stato rivelato, che soffre di disturbi mentali. La causa è stata intentata ai danni della madre dai genitori adottivi e dal consiglio comunale di un paesino del nordovest dell’Inghilterra, che pagano le cure per la bambina. La donna è accusata di aver danneggiato la figlia bevendo eccessivamente in gravidanza, pur sapendo che questo avrebbe potuto nuocerle.

IL FETO È UNA PERSONA? Nel 2011 un tribunale ha giudicato i danni presentati dalla bambina come «direttamente attribuibili a un crimine violento», ovvero «bere eccessive quantità di alcol». La sentenza era stata però ribaltata il 18 dicembre scorso da un secondo tribunale perché «non ci sono prove che i danni siano stati causati dall’alcol», avendo anche la donna assunto altre sostanze, e perché «al tempo la bambina era un feto, e non essendo una persona in termini legali, non può subire un crimine di questo genere».
Davanti a questa decisione il consiglio insieme ai genitori adottivi della bambina ha deciso di ricorrere in appello contro questa seconda decisione, secondo quanto riportato dal The Sunday Times.

FEMMINISTE ALLARMATE. Posto che dei genitori adottivi che denunciano una madre, alla quale hanno già tolto la custodia della figlia, per aver molto probabilmente commesso degli errori durante la gravidanza e perché paghi delle spese mediche al loro posto, è una notizia insolita e sgradevole, la causa ha fatto notizia anche per i risvolti che hanno messo in allarme la galassia femminista. Se infatti venissero riconosciuti per la prima volta nel paese diritti legali a una bambina non ancora nata, ci sarebbero effetti devastanti: il primo, ovviamente, riguarderebbe l’aborto, che non potrebbe più essere considerato legalmente come un «diritto delle donne» ma diventerebbe a tutti gli effetti omicidio.

 Tempi.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -