Mostravano su Facebook il bottino delle loro rapine, 5 romeni arrestati

polTORINO, 28 genn – Mostravano su Facebook il bottino delle loro rapine. Cinque romeni sono stati arrestati dalla polizia: sono accusati di una decina di colpi, tra furti e rapine, messi a segno nelle ultime settimane a Novara, Asti e Torino. Residenti a Torino, dovranno rispondere anche di associazione a delinquere e delle lesioni nei confronti delle loro vittime, tutte donne e in alcuni casi anziane, prese a pugni in faccia.

Siamo intervenuti appena in tempo: la banda si stava preparando a un salto di qualità”. Lo afferma il procuratore capo di Novara, Francesco Saluzzo, commentando l’inchiesta che ha portato all’arresto per rapina, lesioni e associazione a delinquere di cinque romeni. La convivente di uno di loro è stata invece denunciata per ricettazione.

Una decina i colpi messi a segno dalla banda nelle ultime settimane tra Novara, Asti e Torino, dove i cinque arrestati risiedevano. L’operazione che ha portato alla loro identificazione è stata effettuata dalla squadra mobile di Novara, in collaborazione con quella di Torino. I cinque sono stati rintracciati incrociando le tracce lasciate da alcuni di loro sui social network, dove uno dei malviventi si è fatto immortalare con il denaro di una rapina, e dai dati forniti dalle celle telefoniche. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati alcuni telefoni cellulari, che erano stati rubati alle vittime delle rapine. E’ probabile che la banda si stesse preparando ad ampliare il suo raggio di azione e a commettere rapine anche in casa. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -