Giornata della Memoria: 27 gennaio 1945, il mondo ricorda l’Olocausto

olocausto27 gen 2014 – Ad Auschwitz morirono circa 70.000 persone, uccise nella camera a gas ricavata nell’obitorio del crematorio numero 1, dalle impossibili condizioni di lavoro, dalle numerose esecuzioni, percosse e torture inflitte dagli agenti delle SS. A Birkenau il bilancio fu spaventoso: persero la vita oltre un milione e centomila civili, in stragrande maggioranza ebrei, russi, polacchi e rom.

Auschwitz era un ”Konzentrationslager” (campo di concentramento), Birkenau un ”Vernichtungslager” (campo di sterminio), il piu’ esteso. Due luoghi del terrore, che l’immaginario collettivo trascrive nei piu’ bui capitoli della storia dell’umanita’, liberati il 27 gennaio 1945 dalle truppe sovietiche durante la loro rapida avanzata invernale dalla Vistola all’Oder. Quegli attimi di speranza, in cui vennero trovati circa 7.000 prigionieri ancora in vita, il mondo ancora oggi, dopo 69 anni, li ricorda come il ‘Giorno della Memoria’. Perche’ fu la scoperta dei campi di Auschwitz e Birkenau, comprese le testimonianze dei sopravvissuti, a rivelare compiutamente per la prima volta l’orrore dell’Olocausto, e quindi la segregazione e il genocidio degli ebrei d’Europa durante il Terzo Reich.

Ufficialmente, la ricorrenza del 27 gennaio nel ricordo della Shoah (”distruzione” in ebraico) e’ celebrata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite a partire dal 2005, in seguito alla risoluzione Onu del primo novembre 2005. In Italia, sono gli articoli 1 e 2 della legge n. 211 del 20 luglio 2000 che definiscono le finalita’ e le celebrazioni del ”Giorno della Memoria”, anche se piu’ in generale nell’Ue i rischi di una crescita dell’antisemitosmo continuano a restare alti. L’allarme e’ stato lanciato nei giorni scorsi dal commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Nils Muiznieks: ”Sono trascorsi appena 70 anni dall’Olocausto, eppure in Europa assistiamo alla crescita dell’antisemitismo. Gli Stati devono rafforzare la loro legislazione e introdurre misure durature per combattere questo fenomeno”. Proprio in questi giorni, a Roma, tre scatole contenenti altrettante teste di maiale sono state infatti recapitate alla sinagoga della capitale, all’ambasciata israeliana e al museo di piazza Sant’Egidio, dov’e’ in corso una mostra sulla cultura ebraica, provocando forte allarme.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -