Birmania, Onu: 40 musulmani uccisi da buddisti. Il Presidente: è falso

birmania24 genn – Più di 40 musulmani sono stati uccisi la settimana scorsa in un attacco lanciato da buddisti armati di coltelli in un villaggio nell’ovest della Birmania. Lo riferiscono ufficiali, che hanno parlato a condizione di anonimato, citando i risultati di un’indagine delle Nazioni unite. Altre decine di persone, fanno sapere i funzionari, risultano disperse e si teme che siano morte. I dettagli del massacro, hanno riferito gli ufficiali, sono stati illustrati durante un incontro con il personale dell’ambasciata degli Stati Uniti in Birmania e con dipendenti di agenzie umanitarie. I funzionari hanno parlato a condizione di anonimato perché i risultati dell’indagine non sono stati ancora diffusi ufficialmente.

UE: altri 3 mln di euro ai musulmani della Birmania. 48,6 milioni in tutto

Un portavoce del presidente birmano Thein Sein, Ye Htut, ha “obiettato con forza” alle affermazioni dell’Onu. I dati presentati dalle Nazioni unite, ha dichiarato, “sono completamente sbagliati”. Le violenze settarie in Birmania, un Paese con una popolazione a maggioranza buddista, vanno avanti da giugno del 2012.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -