L’Aquila, Cialente (Pd) ritira le dimissioni. Un ex pm e’ il nuovo vicesindaco

cialenteL’Aquila, 22 gen. – Il sindaco de L’Aquila, Massimo Cialente, ha ritirato le dimissioni presentate lo scorso 12 gennaio. L’annuncio nel corso di una conferenza stampa in Comune. Il primo cittadino si era dimesso dall’incarico a seguito dell’inchiesta ‘do ut des’ su presunte tangenti negli appalti per la ricostruzione del post sisma. Nell’indagine sono coinvolti, fra gli altri, il suo ex vice sindaco, Roberto Riga, subito dimessosi dall’incarico, l’ex assessore Vladimiro Placidi, all’epoca dei fatti tra il 2009 e il 2011, assessore alla ricostruzione e il dirigente comunale Mario Di Gregorio.
Cialente, invece, non e’ stato mai indagato.

L’Aquila: il terremoto arricchì la cognata di Cialente, 547mila euro di rimborsi

Nicola Trifuoggi, gia’ procuratore distrettuale antimafia de L’Aquila e poi a capo della Procura della Repubblica di Pescara, e’ il nuovo vice sindaco del capoluogo abruzzese. Lo ha annunciato stamani Cialente, nel corso della conferenza stampa nella quale ha ritirato le dimissioni. Al suo fianco era seduto lo stesso ex magistrato in quiescenza da circa un anno. In particolare Trifuoggi si occupera’ di legalita’ e sotto al suo vaglio passeranno tutti gli atti relativi sia alle imprese appaltanti che all’andamento degli appalti stessi per la ricostruzione post-sisma. Inoltre all’ex procuratore e’ stata affidata anche la delega all’ispettorato urbanistico.

“Sono stato contattato dal sindaco domenica scorsa – ha detto il neo vice sindaco – Cialente mi ha chiesto di dargli una mano. Devo dire che non ci ho riflettuto molto e ho accettato subito con soddisfazione. Io voglio bene a questa citta’ dove ho lavorato come procuratore e dove ho conosciuto mia moglie. In sintesi – ha spiegato – ho detto si’ al sindaco per la stima e per l’onesta’ che nutro nei confronti di Massimo e della compagine governativa. Ma anche per l’indignazione nell’aver letto sui giornali rappresentazioni nelle quali L’Aquila appariva come citta’ del malaffare. Qui ci sono solo persone perbene, bisogna liberarsi da qualche pecora di colore oscuro che e’ normale possa trovarsi in qualsiasi contesto”. “Perche’ – ha aggiunto Trifuoggi in riferimento ai recenti arresti su presunte tangenti – montare uno scandalo che ha coinvolto una citta’ intera. Qualcuno, poi, rispondera’ nelle sedi opportune. Ho accettato in un’ottica di servizio: dare una mano a L’Aquila e a questo comune, ridare la giusta dignita’ al capoluogo di regione”.

Dal sindaco Cialente l’ex pm ha avuto carta bianca.
“A Cialente ho posto solo una condizione: che lavorassi totalmente gratis per il comune. Spero di essere utile e che nel giro di qualche mese si possano gia’ vedere i primi risultati”. Dal neo vice sindaco il primo cittadino si aspetta, in particolare, che con la sua immagine possa ridare credibilita’ a L’Aquila nei rapporti con l’Italia e con l’Europa. “Trifuoggi – ha proseguito il sindaco – dovra’ dire agli italiani se questa e’ una citta’ di persone perbene.
Dovra’ raccontare quello che abbiamo fatto, i nostri sacrifici, ma anche i nostri errori, se ci sono stati. Guardera’ le carte di ieri e di oggi e dira’ se qualcuno ha sbagliato, me compreso. La democrazia – ha detto infine il primo cittadino – passa attraverso il rispetto di regole e leggi. Chi meglio del dottor Trifuoggi puo’ aiutarci sotto questo aspetto?”.



   

 

 

1 Commento per “L’Aquila, Cialente (Pd) ritira le dimissioni. Un ex pm e’ il nuovo vicesindaco”

  1. Che dire? non so avevo fatto i complimenti al Sindaco Cialente che aveva avuto il coraggio di dire basta, ed ecco il colpo di scena è stata tutta una farsa oppure una sceneggiata alla Mario Merola me lo dovevo aspettare si vede che gli manca la sedia sotto al sedere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -