Irlanda: italiano uccide coinquilino, arrestato a Dublino

dublino13 genn – E’ reo confesso l’italiano di 34 anni arrestato a Dublino per l’omicidio del suo coinquilino Tom O’Gorman, 39 anni, a quanto pare in seguito a un diverbio sorto durante una partita di scacchi. Lo hanno riferito fonti locali, confermando quanto emerge sulla stampa irlandese secondo cui l’italiano si è consegnato alla polizia da lui chiamata sul luogo del delitto nella notte tra sabato e domenica.

Inoltre, secondo l’Irish Independent, l’uomo ha pugnalato più volte la vittima con un coltello da cucina e si sarebbe avventato sul suo corpo. La polizia descrive la scena del crimine, la casa dove i due vivono a Castleknock, nella periferia della capitale irlandese, come ”terribile”. Secondo quanto scrive ancora il giornale l’uomo che ha confessato l’omicidio avrebbe anche detto alla polizia di aver ”mangiato il cuore” della sua vittima. Dalla autopsia risulta che l’organo fosse intatto ma che invece dal corpo di O’Gorman mancasse un polmone. L’italiano vive da due anni e mezzo in Irlanda dove lavora per una ditta farmaceutica e da qualche mese aveva preso una camera in affitto nella casa della vittima. O’Gorman era un giornalista e ricercatore per una organizzazione cattolica di Dublino, i cui membri si sono detti sconvolti per l’omicidio efferato nel quale ha perso la vita.

Bellante lavorava a Dublino dal 2011 ma continuava a mantenere rapporti intensi con gli amici siciliani con i quali scambiava informazioni, saluti e ricordi attraverso il suo profilo Facebook. “Mi mancano le partite di calcetto” scriveva, ma anche i piatti tipici siciliani. Da poco tempo il giovane curava anche un blog in cui riportava le sue riflessioni di impegno civile e politico. “Anche chiedere lo scontrino per un caffè è già fare politica”, scriveva. Della sua esperienza in Irlanda parlava così: “Vivere all’estero, e specialmente in una capitale europea, dà la possibilità di osservare in prima persona come, e in cosa, funzionano gli altri paesi; oltre che la possibilità di imparare una lingua straniera e conoscere persone di religione, cultura e tradizioni diverse dalla propria.

E’ questo il motivo per cui sono andato via da Palermo che amo immensamente”. Nello stesso blog aveva postato il 6 gennaio un intervento politico. Rivolgendosi a Matteo Renzi e Beppe Grillo, ricordava i grandi “martiri moderni” che hanno sacrificato la vita per il cambiamento del Paese. Quindi li sollecitava a “dichiarare una volta e per tutte, senza strumentalizzazioni che siete contro quei poteri forti, oscuri (sempre sulla soglia dell’illegalità) e criminali che da 70 anni considerano l’Italia come una torta da spartirsi in pochi, compiacendo agli equilibri internazionali”. tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -