Maro’, India: decisione su pena morte “in due o tre giorni”. Letta: è inaccettabile

maro10 dic. – Il governo indiano non ha ancora deciso se consentire alla Nia di procedere contro i due maro’ in base al ‘Sua Act’, la speciale legge marittima che prevede la pena di morte in caso di omicidio, ma lo fara’ “in due o tre giorni”. Lo ha reso noto il ministro dell’Interno indiano, Sushil Kumar Shinde, all’indomani del vertice di governo a tre (insieme ai colleghi titolari di Esteri, Salman Khurshid e Giustizia, Kapil Sibal) proprio sulla delicata questione.
“C’erano molti problemi da discutere”, ha detto il ministro nel corso del suo incontro mensile con la stampa, rispondendo a una precisa domanda sul tema, “e per quanto riguarda la questione dei due militari italiani, una decisione sara’ presa in due o tre giorni”. Secondo le indiscrezioni che circolano sulla stampa indiana, la Nia potrebbe chiedere la pena di morte ma poi potrebbe rinunciarci, chiamando in causa l’impegno del governo indiano con l’Italia a non applicarla.

Nonostante la rassicurazioni fornite ancora ieri dal ministro degli Esteri indiano Salman Kurshid, secondo cui va escluso che Massimiliano Latorre e Salvatore Girone siano passibili della pena di morte, un’intesa raggiunta nelle ultime ore in India a livello inter-ministeriale riproporrebbe per i due maro’ italiani proprio lo scenario piu’ inquietante: e’ quanto scrive oggi il quotidiano ‘Hindustan Times’, secondo cui appare verosimile che Latorre e Girone siano rinviati a giudizio per imputazioni, e in forza di norme, che in caso di condanna prevedono appunto la pena capitale. Questo sarebbe il frutto di un mini-vertice tenuto tra lo stesso Kurshid, il titolare dell’Interno, Sushil Kumar Shinde, e quello della Giustizia, Kapi .

“Se l’India non dovesse rispettare le rassicurazioni” fatte al governo italiano sui due maro’ ancora detenuti, “questo sarebbe inaccettabile”. Lo ha detto il presidente del consiglio Enrico Letta intervistato a Rainews24.
“Abbiamo oggi fatto un’altra riunione del comitato di coordinamento tra i diversi ministeri e ribadito la linea che abbiamo sempre indicato”, ha spiegato. “Ci aspettiamo che il governo indiano sia conseguente con le assicurazioni che aveva dato lo stesso governo e con le rassicurazioni della Corte suprema. E cioe’ – ha aggiunto Letta – che non sarebbe stata utilizzata la fattispecie della pirateria e nel caso in questione e che la decisione sarebbe stata rapida. agi



   

 

 

5 Commenti per “Maro’, India: decisione su pena morte “in due o tre giorni”. Letta: è inaccettabile”

  1. Abbiamo fatto ridere ancora una volta il mondo intero ed è una vera vergogna, state facendo rischiare la vita di questi 2 ragazzi, mi vergogno di essere Italiano e non voglio dire più nulla altrimenti vi dovrei dire una marea di p……….e.

  2. Ma se non sarà richiesta la pena di morte. Come sarà! Perché si aspetta tutto questo tempo per il verdetto ?
    È allora un problema politico? Io direi burocratico indiano. ma nello stesso tempo è una dimostrazione di quanto l Italia conti all Estero. La solita figura delle mezze calzette!!

  3. incursori solo voi li potete aiutare, non fatela sbrigare al nostro governo perche ci sara il pericolo di farli condannare alla pena capitale. e sapete il perche

  4. Massimo Alberti

    Lo Stato acquista F35 per cosa ? per farci giri turistici domenicali ? Per me i due nostri Marò sono motivo sufficiente per una dichiarazione di guerra.

  5. Anche l’UE dorme si perché trattasi di Italiani se erano Francesi o Tedeschi avrebbero smosso anche l’ONU, invece non hanno detto una sola parola, dopo un anno Letta dice solo e inaccettabile mentre di dire inaccettabile dovrebbe fare qualche cosa! non solo chiacchiere come stanno facendo il giorno prima non si paga l’imu il giorno dopo vai a vedere si paga l’imu più di quanto non si pagava prima l’IVA non verrà aumentata, e il giorno dopo aumenta l’iva ecc. ecc. andate a I……..i tutti.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -