Nuove accuse su Stamina: 2 protocolli diversi e articoli copiati da wikipedia

vannoni8 genn – Il protocollo consegnato dalla Fondazione Stamina al Comitato scientifico del ministero della Salute è diverso da quello in uso negli Spedali Civili di Brescia: solo il secondo contiene il metodo per ottenere neuroni dalle staminali: è quanto si legge in uno dei documenti prodotti dallo stesso Comitato.

Protocolli diversi per ministero e Brescia – Nei documenti prodotti dal Comitato scientifico si legge inoltre che la descrizione del metodo per far differenziare le cellule staminali mesenchimali in neuroni è stato eliminato dal testo del protocollo consegnato al ministero, sottraendolo in questo modo alla valutazione degli esperti. L’unico metodo descritto nel protocollo consegnato al ministero descrive la tecnica per coltivare, congelare e scongelare cellule del midollo osseo non purificate e di composizione eterogenea e non controllata. Nel protocollo Stamina non c’è alcun metodo per ottenere neuroni dal differenziamento delle cellule staminali. E’ quanto emerge dal protocollo. L’assenza di tali riferimenti, rilevata dal Comitato ministeriale, è in contrasto con quanto chiesto dal Parlamento nell’autorizzare la sperimentazione del metodo Stamina.

Parti del protocollo Stamina consegnato al Comitato scientifico del ministero della Salute sono state copiate da due articoli scientifici pubblicati da altri ricercatori, dal sito di un’associazione di pazienti e in quattro casi sono stati copiati testi presi da Wikipedia. E’ quanto risulta dalla lettura del protocollo e di alcuni documenti prodotti dai membri del Comitato scientifico del ministero.

I testi fanno parte del materiale presentato da Stamina come proprietà intellettuale, si rileva nei documenti prodotti dal Comitato scientifico, e per nessuno dei testi inseriti nel protocollo, in alcuni casi con modifiche sostanziali, viene citata la fonte. Nel protocollo sono riportati parti dell’articolo pubblicato nel 2012 sulla rivista Stem Cells International da Sally A. Boxall e da Elena Jones, dell’università di Leeds, e dell’articolo pubblicato sulla rivista Best Practice & Research Clinical Haematology da Paolo Bianco e Mara Riminucci, dell’università Sapienza di Roma, e da benedetto sacchetti, del San Raffaele di Roma.

Passaggi della descrizione della sclerosi laterale amiotrofica (Sla) (una delle tre malattie oggetto della sperimentazione con la paralisi cerebrale infantile e l’atrofia muscole spintale) contenuti nel protocollo Stamina sono stati presi dai test pubblicati sul suo sito dall’associazione AssiSla Onlus. Da Wikipedia, infine, sono stati copiati testi relativi al colorante per cellule trypan blue, sulla paralisi cerebrale infantile, sulla sclerosi laterale amiotrofica e atrofia muscolare spinale.

Test simularono metodo Stamina, nessun neurone – Il metodo Stamina per ottenere neuroni dalle cellule staminali mesenchimali è stato riprodotto in laboratori stranieri di livello internazionale sulla base delle indicazioni contenute nella domanda di brevetto, ma in nessun caso sono stati ottenuti neuroni. Si legge in alcuni documenti prodotti dal Comitato ministeriale.I test, si legge nei documenti, hanno trattato le cellule staminali mesenchimali con acido retinoico (indicato come principio attivo per ottenere il differenziamento delle cellule) e con etanolo come solvente. I risultati ottenuti sono simili sia quando le cellule sono trattare con acido retinoico ed etanolo, sia quando sono trattate con il solo etanolo: la loro forma si è modificata nello stesso modo per effetto dell’ etanolo. Risulta poi una tossicità delle cellule così ottenute. tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -