28 attivisti italiani bloccati nella striscia di Gaza

Un'immagine di Stefania Boi tratta da Facebook

Un’immagine di Stefania Boi tratta da Facebook

8 genn – La Farnesina sta seguendo da vicino il caso di Stefania Boi, 38 anni, nuorese di nascita ma cagliaritana d’adozione, bloccata per problemi di sicurezza insieme ad altri 28 volontari italiani nella striscia di Gaza, durante una visita di solidarietà negli ospedali e ai profughi palestinesi.

Lo ha affermato lo stesso ministro Bonino che, nella serata di martedì, ha contattato Roberto Deriu – presidente della Provincia di Nuoro e dell’Unione province italiane (Ups) di cui la Boi è collaboratrice – assicurandogli il massimo impegno per sbloccare la situazione.

“Il caso dei volontari – ha ricordato Bonino – è all’attenzione del ministero da tempo. Già prima della loro partenza agli operatori italiani, fra i quali una sarda, erano state fatte presenti le difficoltà che avrebbero potuto incontrare in quella regione del Medio Oriente”. La Boi sarebbe dovuta ripartire dal Cairo due giorni fa, insieme agli altri volontari. Alla frontiera, però, il gruppo italiano è stato bloccato dall’esercito egiziano (dopo l’ennesimo attentato) e rimandato a Gaza in attesa di nuove istruzioni. TISCALI



   

 

 

6 Commenti per “28 attivisti italiani bloccati nella striscia di Gaza”

  1. Marcello Sanna

    Volontari ? MA VOLONTARI DI CHE ?
    A parte che una che gira con la kefiah dovrebbe stare al largo dalla pubblica amministrazione.
    Oppure in provincia di Nuoro abbiamo una succursale di Al Fatah o di Hezbollah e non ne eravamo al corrente ?
    Voglio sapere chi ha spedito questa Boi a Gaza, con quali compiti e CON QUALI SOLDI !

  2. strano che i fratelli arabi non hanno consentito il passaggio di volontari

  3. I soliti atti di “solidarietà” a senso unico, da parte dei nostri “pacifisti” o attivisti che dir si voglia. Curioso che costoro non siano mai sfiorati dal senso del ridicolo…

  4. Perché questi “pacifinti insistono sempre su Gaza ? vi ricordo anche con la “flotilla”!
    Perché non vanno in Siria ? dove finora ci sono stati più di 100000 morti!
    Mi viene un forte dubbio, non è che questi finti pacifisti più d’amare Gaza odiano Israele ?

  5. Non ho capito. E’ una dipendente pubblica? Solidarieta’ a nome di chi?

  6. un altro caso “due Simone” ? dovremmo pagare anche questa volta?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -