Licenziato dopo offese alla Kyenge: “Ho aperto un conto. Fatemi la carità”

serafini

TRENTO 5 genn. Paolo Serafini, ovvero quando una frase può rovinare una vita. Era il luglio 2013 quando Serafini scrive sul proprio profilo Facebook una pesante frase rivolta al ministro Kyenge che diventa oggetto di una denuncia, alla quale seguono dei servizi giornalistici. Le due cose sommate portano al licenziamento di Paolo Serafini da Trentino Trasporti a partire dal 7 ottobre.

Adesso Serafini ha esaurito qualsiasi risorsa e vive grazie alla catena di solidarietà che si è spontaneamente creata attorno a lui. «Tutto scoppia – racconta – a seguito della visita che il ministro Kyenge ha fatto insieme al sindaco di Torino Fassino, ai campi Rom. In quell’occasione promette che si impegnerà per far avere a tutti una casa e si scatena la contestazione. Qualche giorno dopo si meraviglia del tanto clamore che la sua dichiarazione ha suscitato, delle offese arrivate perfino alle minacce di morte».

A quel punto cosa fa? «Scrivo nel mio profilo Facebook la mia opinione: Dopo l’insulto di Calderoli la ministra che continua a dire che l’Italia non è un paese razzista dichiara di ricevere ogni giorno, soprattutto online, minacce di morte. Ma cosa pensava di trovare questa in Italia? Forse di essere accolta e di trovare il plauso della nazione? Prenda atto che non è stata voluta dagli italiani, ma da quei quattro deficienti del Pd. Un Pd che chiede le dimissioni di Calderoli per aver detto che la ministra assomiglia ad un orango e non chiede le dimissioni di tutti i loro compari implicati nello scandalo del Monte dei Paschi. Prenda atto la ministra, che ovunque si muova viene fischiata e insultata. Ci sarà un perché! Rassegni le dimissioni e se ne torni nella giungla dalla quale è uscita. Qualcuno la rende pubblica, Mattia Civico presenta un esposto in Procura che poi rende pubblico. Arrivano i giornali ed il 27 luglio Trentino Trasporti mi manda la “Contestazione di mancanza”. Il 7 ottobre mi licenziano con la seguente motivazione: “Non può sussistere rapporto di fiducia fra datore di lavoro e dipendente vista e considerata la Sua inclinazione all’apologia fascista e razzista”».

L’intenzione di Serafini non era quella di offendere, ma solo di scrivere una frase ad effetto sul proprio profilo: «Purtroppo in quel periodo Calderoli aveva acceso una polemica violenta – dice oggi – ed io ci sono finito in mezzo».

Il percorso politico di Serafini è fatto di tanta Lega, di azione sindacale all’interno di Trentino Trasporti, ma anche di una militanza in Progetto Trentino, a fianco di Grisenti. Tuttora è consigliere circoscrizionale indipendente a San Giuseppe-Santa Chiara. «Sinceramente ho creato non pochi problemi a Trentino Trasporti. A seguito della mia denuncia e dei sit-in sono stati costretti ad assumere delle guardie giurate per garantire la sicurezza all’interno della stazione delle corriere. Ho contestato all’azienda l’acquisto di 33 pullman Scania senza aria condizionata, sui quali si sono poi dovuti installare i condizionatori e per ultima, la battaglia contro “i portoghesi”, a seguito della quale l’azienda ha dovuto assumere dei controllori».

Una sorta di vendetta? «Direi che hanno sfruttato lo spunto, per mettermi fuori».

Serafini ha scritto ad Ugo Rossi, a Berlusconi ed alla vigilia di Natale alla ministra stessa alla quale ha chiesto scusa, ma nessuno ha risposto. Il consigliere Livio Merler ha raccolto 193 firme in calce alla richiesta di riassunzione presentate, senza risposta, a Trentino Trasporti. E da adesso inizia la fase più difficile: «Lo dico senza vergogna: non ho più soldi. Vivo grazie alla solidarietà di chi mi porta dei generi di prima necessità. Spinto da alcuni amici, ho aperto una carta Postepay (numero 4023600648580951): è un modo per chiedere la carità, senza farlo di persona».

trentinocorrierealpi.



   

 

 

7 Commenti per “Licenziato dopo offese alla Kyenge: “Ho aperto un conto. Fatemi la carità””

  1. con tutto quello che ho letto su facebook su Berlusconi!… insultato, a non finire, lo hanno chiamato merda, delinquente ecc. gli hanno augurato di morire, di finire in galera ecc. non è successo niente mai che Berlusconi abbia risposto e costei va a rovinare un povero uomo solo perché ha espresso la sua idea? Spero che andremo presto alle elezioni e che nessuno voti una ministra di questo tipo

    • Condivido, però chi c’è l’ha messa è stato Letta su segnalazione della Turco se non ho letto male da qualche parte, perché non mi risulta che nessuno abbiamo votato questi politici di incapaci hanno solo fatto danni ai poveri e alle prossime elezioni non votare questi arroganti e presuntuosi del PD basta che vediamo già dal telegiornali come litigano per le loro poltrone. Povera Italia.

  2. E QUESTA E’ DEMOCRAZIA MA FATEMI IL PIACERE.

  3. Dimmi l’IBAN, parteciperò nel limite delle mie possibilità. È una vergogna italiana il comportamento dell’azienda!

  4. l’Italia della decadenza: ma come abbiamo fatto (o non fatto) per ridurci cosi

  5. Una vergogna aggiunta è l’indifferenza dei sindacati, CGIL in testa, che in casi analoghi di licenziamento si sono battuti fino a quando il dipendente non è stato riammesso anche quando, paradossalmente, il dipendente era in torto addirittura per non aver svolto il suo lavoro, assenteista ecc.
    Credo di capire che il datore di lavoro in questione sia un sostenitore del PD dimostrando che l’influenza della sinistra arriva a far dimenticare anche l’uso del buonsenso.

  6. a rigor di logica dovrebbero cacciare anche la Kyenge visto che parecchia gente si è sentita offesa dall’esclamazione “l’italia è un paese meticcio”….

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -