Immigrazione: associazione LasciateCIEntrare denuncia l’Italia alla Corte UE

cie4 genn – Diverse associazioni e componenti della campagna LasciateCIEntrare hanno presentato una denuncia lo scorso 27 dicembre alla Corte europea dei diritti umani (Cedu) di Strasburgo “per chiedere che venga fatta luce sulla paradossale situazione di detenzione illegittima in cui si trovano diciassette cittadini eritrei e siriani, trattenuti da oltre due mesi presso il Centro di soccorso e prima accoglienza (Cspa) di Contrada Imbriacola a Lampedusa, dopo essere sopravvissuti ai tragici naufragi avvenuti al largo dell’isola nell’ottobre scorso”.

“La loro situazione – si legge nel documento – sia per le condizioni materiali di accoglienza, che per la mancanza di provvedimenti formali che ne definiscano lo status giuridico, appare qualificabile come un ‘trattamento inumano e degradante’, vietato dall’articolo 3 della Corte europea dei diritti umani, oltre a costituire una situazione di tensione esasperata che potrebbe produrre gesti di autolesionismo”. Il documento è stato inviato anche al Comitato per la prevenzione della tortura dello stesso Consiglio d’Europa, all’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr) e alla Commissione Ue.

“I migranti – scrivono le associazioni – si trovano trattenuti in condizioni oggettivamente inumane e degradanti senza alcun provvedimento né norma di legge a giustificazione della loro detenzione da oltre 70 giorni”. “Non hanno – si legge ancora nel testo – alcuna possibilità di adire la magistratura italiana perché nessun provvedimento di trattenimento è stato mai loro notificato”. “Il termine di trattenimento – sottolineano le associazioni – in centri quali quello di Lampedusa è, lo ricordiamo, di 96 ore. Proprio la mancanza di un atto giudiziario che imponga la detenzione dei migranti impedisce loro di difendersi, così come invece prevedono gli articoli 5 e 13 della Cedu e l’articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (diritto ad un rimedio efficace e ad un giusto processo)”.

“La campagna LasciateCIEntrare – concludono le associazioni – accoglie inoltre con estrema soddisfazione la notizia di questi giorni della chiusura ufficiale del Cie di Modena e chiede al Governo e al ministro dell’Interno che proceda con la chiusura urgente di tutti gli altri centri di detenzione amministrativa ancora operativi”.  (LaPresse)



   

 

 

2 Commenti per “Immigrazione: associazione LasciateCIEntrare denuncia l’Italia alla Corte UE”

  1. Invece tanti pensionati Italiani malati , con solo 500 euro di pensione? E i padri e madri di famiglia che non arrivano a fine mese? Costoro non interessano a certe associazioni umanitarie……ah gia, sono Italiani, quindi …affari loro chi se ne frega ,vero cari ragazzi di certe “associazioni umanitarie “?

  2. E le associazioni, quando si interesseranno di come i politici italiani ci trattano? Noi non siamo persone con i clandestini che arrivano con i loro barconi? Non abbiamo il sacrosanto diritto di essere governati da gente competente? Non abbiamo il diritto di avere uno stipendio equo in base al costo della vita? Non abbiamo il diritto di avere un lavoro? Non abbiamo il diritto o per lo meno cercare di averlo restanto nella città natale e non andare all’estero per avere un lavoro? Non abbiamo il diritto di mettere pranzo e cena insieme?
    Dai cittadini italiani pretendete e volete solo i doveri??? Spero che prima o poi la gente si desti da questo lungo letargo!!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -