Rimasto senza lavoro, uccide suocera, moglie e la figlia. Poi si toglie la vita

Dramma familiare nel Torinese, 'venite, ho ammazzato tutti'1 genn – Rimasto senza lavoro, ha ucciso l’anziana suocera, la moglie e la figlia. Poi si è tolto la vita. Il dramma, provocato dalla crisi economica, nell’ appartamento al quinto piano di Collegno, prima cintura di Torino, dove la famiglia viveva.

“Venite, ho ucciso tutti: sono impazzito”, le parole con cui Daniele Garattini, 56 anni, fino a un mese fa rappresentante di commercio, ha detto ai carabinieri prima di lasciare loro la porta di casa socchiusa e di suicidarsi. Dieci minuti di follia sono bastati a quest’uomo descritto dagli amici come “mite e per bene”, per sterminare tutta la sua famiglia.

“Sono pazzo, sono pazzo”, ha risposto ai militari dell’Arma che gli chiedevano perché lo avesse fatto. Pochi istanti e anche lui è morto in una pozza di sangue. Accanto, la pistola regolarmente denunciata dal padre, e un coltello, l’arma usata per togliersi la vita dopo essersi sparato al petto ed essere rimasto senza proiettili. Davvero drammatica la scia di morte che si è lasciato dietro. L’uomo ha sparato per prima alla suocera, Daria Maccari, 84 anni, mentre dormiva sul divano del soggiorno.

Poi ha inseguito la moglie, Letizia Maggio, 54 anni, e la figlia, Giulia, studentessa di 21 anni appena, in cucina, le borse della spesa per il cenone di Capodanno ancora sul pavimento. Le due donne hanno cercato di proteggersi a vicenda: sono morte una accanto all’altra, colpite da cinque proiettili. Solo in quel momento, dopo avere chiamato i carabinieri, ha rivolto la pistola contro se stesso. I proiettili nel caricatore erano finiti e allora ha preso un coltello da cucina e si è pugnalato al cuore.

“Daniele era una persona mite, provata dalla presenza in casa dell’anziana suocera, che doveva assistere (era malata di alzheimer, ndr) – racconta un amico, l’ex assessore del Comune di Collegno Gianni Pesce -. Ma a preoccuparlo era soprattutto il lavoro”.

Responsabile e coordinatore dell’ufficio vendite delle linee bambino 012 Benetton in Piemonte, Garattini aveva perso di colpo il lavoro ed era caduto in un forte stato di depressione. A Collegno, insieme ai carabinieri della Compagnia di Rivoli, sono intervenuti i sanitari del 118, che non hanno potuto fare nulla per le tre donne uccise e per il suicida. Sul posto anche il sostituto procuratore Antonio Rinaudo.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -