“I marocchini non entrano, fanno troppo casino”. Polemiche sulla discoteca

discoVERONA, 31 dic – “I marocchini qui non entrano, fanno troppo casino”. La decisione di un buttafuori sta creando polemiche a non finire nella città scaligera. Succede sabato 29 dicembre a Caldiero poco prima della mezzanotte.

Brahim Brenkhazzi, 20 anni, da 14 anni residente a San Giovanni Lupatoto non viene fatto entrare in un locale, a differenza dei tre amici che erano con lui. Il buttafuori del locale lo trattiene e gli urla che “quelli della tua razza fanno casino e qui non entrano”, scrive L’Arena. La motivazione sarebbe dunque legata al colore della sua pelle e alla nazionalità. Il giovane lituano che era in sua compagnia, dalla carnagione chiara e dai capelli castano chiaro, non ha problemi a guadagnarsi l’accesso.

Brahim prova a parlare con il titolare del locale, ma non è il solo a vedersi negare l’ingresso. Con lui altri sette connazionali rimangono fuori

I gestori spiegano così la decisione: “Alla fine della scorsa stagione, a maggio, un gruppo di marocchini aveva provocato una violenta rissa all’interno della discoteca. Bottiglie rotte, gente che picchiava e urlava. Eravamo stati costretti a richiedere l’intervento dei carabinieri. Dopo quell’episodio, visti anche gli ingenti danni, abbiamo ovviamente deciso che quel gruppo di marocchini non sarebbe più potuto entrare nel locale. Così come non può entrare chi non è vestito bene, chi è ancora minorenne e chi è ubriaco o in condizioni pietose, indipendentemente dalla razza. Perciò sabato, quando in sette marocchini violenti si sono ripresentati all’ingresso, il bodyguard sapeva bene che a loro l’ingresso era vietato”

www.today.it



   

 

 

2 Commenti per ““I marocchini non entrano, fanno troppo casino”. Polemiche sulla discoteca”

  1. Se è vero del loro comportamento,ha fatto bene,e in piu i danni non gleli paga nessuno !!!

  2. Adesso cominciamo a ragionare.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -