Crisi dell’eolico: persi migliaia di posti di lavoro

eolico28 dic – Il 2013 è stato un anno nero per il settore eolico italiano e anche il nuovo anno non sembra promettere bene. L’industria del vento negli ultimi 2 anni ha perso tra i 3 e i 4mila posti lavoro. A fare un bilancio dell’anno che si sta per chiudere è Simone Togni, il presidente dell’Anev, l’Associazione nazionale energia dal vento. Il 2013, racconta Togni all’Adnkronos, ”è andato molto male come purtroppo avevamo previsto”. Secondo Togni ”sono due le questioni che hanno bloccato gli investimenti futuri in maniera grave e sono: le novità introdotte dalle aste competitive introdotte lo scorso anno e le norme retroattive”.

In particolare, il sistema delle aste ”ha dimostrato tutto il suo fallimento con un crollo del 60% delle nuove installazioni. Sono 400 i Mw aggiudicati contro i 1200 che facevamo l’anno precedente”. Si tratta, sottolinea il presidente dell’Anev, ”di un crollo che si è inserito in una situazione in cui stanno soffrendo già gli impianti esistenti a causa di norme retroattive come ad esempio la robin tax”.

Tutto questo, secondo Togni, ”ha portato a far sì che ci siano stati licenziamenti. Negli ultimi due anni si sono persi tra i 3 e i 4mila posti di lavoro mentre nei 6 anni precedenti registravamo circa 5 mila nuovi addetti”. Una crisi per il settore eolico ”immediata e improvvisa ma che avevamo previsto e la prospettiva è ancora peggiore”. Il presidente dell’Anev, però, ci tiene a sottolineare che ”il problema centrale non è l’incentivo, anche se in 4 anni è stato tagliato del 60%, ma è il sistema che non funziona in particolare quello delle aste”. L’ammazzata finale, poi, ” è arrivata con il decreto ‘Cresci Italia’ che impongono agli imprenditori esistenti di rimodulare gli incentivi”. Per Togni, ”ci stanno penalizzando perché non sappiamo prevedere il vento”.



   

 

 

1 Commento per “Crisi dell’eolico: persi migliaia di posti di lavoro”

  1. Una eco-truffa, ormai dai connotati sociali prima che economicisu costruita su un riscaldamento globale inesistente, che motiva una lotta alla CO2 demenziale e costa 15 miliardi all’anno per 20 anni spalmati in bolletta.

    Il dramma sociale e’ che i costi energetici impongono alle aziende di chiudere, o delocalizzare in paesi civili che della CO2 giustamente se ne infischiano.

    Ma anche ammettendo che sia reale questo riscaldamento globale sarebbe demenziale l’eolico :

    Assorbire energia dal vento genera necessariamente impatti climatici negativi estremizzando le differenze di temperature sulla terra..

    L’eolico LAVORA CONTRO quella che dovrebbe essere l’azione correttiva ad un EVENTUALE riscaldamento globale, sottraendo energia dal vento.

    La mancanza di circolazione atmosferica (ed oceanica) causa nel nostro satellite, la Luna, che orbita alla stessa nostra distanza media dal Sole, temperature estreme, fino a 123 gradi, che non esistono qui sulla Terra, grazie al vento e grazie alle correnti oceaniche..

    L’eolico ha un unico grande pregio, produce profitti anche a pale ferme. 😉

    Per guadagnare sui certificati verdi è sufficiente la licenza, NON SERVE NEMMENO che l`impianto a pale sia in funzione

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -