Nel 2014 aumenterà tutto: dal caffè alle poste. E benzina alle stelle

rincari

27 dic – Anno nuovo, vita nuova. O meglio: anno nuovo, aumenti nuovi. Con gli ultimi giorni del 2013 alle porte si comincia ad intravedere quello che sarà nel 2014. E, a prima vista, non sarà un anno facile.

Si annunciano, infatti, rincari per caffè, bibite e snack acquistati nei distributori automatici anche negli edifici pubblici, come scuole e ospedali. Ancora: le tariffe postali saliranno verso l’alto e il costo della benzina, immancabilmente, schizzerà alle stelle.

Dal primo gennaio sarà possibile aumentare il prezzo di circa il 6%, adeguandolo all’aumento Iva dal 4 al 10%, anche per le “macchinette” collocate in edifici pubblici per i quali erano stati stipulati i contratti prima dell’aggravio fiscale. Ad annunciarlo è la Confida-Confcommercio commentando un emendamento alla Legge di Stabilità.

La norma, che peserà sulle tasche dei consumatori, è vista con favore dalla Confida perché consentirà al settore di alleggerire l‘impatto del prelievo deciso dal governo per finanziare l’ecobonus. “Rispetto a quelle che erano le peggiori aspettative per il settore della Distribuzione Automatica – afferma Lucio Pinetti, presidente dell’Associazione della Distribuzione Automatica aderente a Confcommercio – questa modifica apre uno spiraglio che consente di fugare molte delle problematiche che si sarebbero potute creare per le oltre mille imprese del vending”.

Non solo pausa caffè più cara, però. Rincari in vista anche per spedire una lettera, con il costo che potrà salire dagli attuali 70 centesimi fino a 95 centesimi entro il 2016. Il “sì” decisivo al cambio delle tariffe praticate da Poste Italiane è arrivato dall’Autorità per la Garanzia nelle Comunicazioni. L’aumento potrà interessare anche le raccomandate: da 3,60 a 5,40 euro.

A chiudere il cerchio degli aumenti per l’anno nuovo ci penserà poi il costo della benzina, con i prezzi che potrebbero salire già in questo finale di 2013 per “sfruttare” le festività. Il Codacons, a tal proposito, ha chiesto al governo provvedimenti per evitare un’onda di rincari proprio quando “gli automobilisti italiani sono in movimento lungo strade e autostrade e molti altri si metteranno in viaggio nei prossimi giorni per le vacanze di Capodanno”. Nonostante l’appello dell’associazione, benzina e gasolio hanno fatto registrare in questi giorni forti rincari. E potrebbe non essere finita qua.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -