Islam: aumentano le persecuzioni ai cristiani in tutto il mondo

crist26 dic. – I cristiani sono perseguitati in alcuni paesi dell’Africa come la Nigeria (ma episodi di violenza si sono verificati anche in Egitto) e in Asia, in particolare in Iran, Cina, Terra Santa. “L’elenco – scrive il settimanale Tempi – e’ sicuramente incompleto”, ci sono infatti regioni dove “ogni chiesa e celebrazione eucaristica un obiettivo per bande di terroristi islamici che hanno come scopo quello di seminare il panico tra i cristiani e, attraverso di loro, colpire l’Occidente”.

Ne’ si puo’ dimenticare quanto accaduto negli anni scorsi in Orissa, lo stato indiano piu’ integralista. In Nigeria a colpire sono i Boko Haram, che significa “L’educazione occidentale e’ peccato”, un’organizzazione che ha come obiettivo quello di cacciare tutti i cristiani “infedeli” dal nord del paese e di instaurare uno Stato islamico con la sharia. In Pakistan, sottolinea Tempi, dopo l’attentato del 22 settembre davanti alla chiesa di Tutti i santi di Peshawar, che ha causato la morte di 96 persone, i talebani hanno promesso di colpire ancora, i cristiani saranno costretti a fare piu’ attenzione.Lo stillicidio di cristiani in Iraq e’ continuo e dura tutto l’anno.

Ma nessuno ha dimenticato l’attentato del 2010 alla cattedrale siro-cattolica di Baghdad, dove un commando legato ad Al Qaeda ha sterminato 48 fedeli e due giovani preti, distruggendo la chiesa. Nel 2012 la cattedrale e’ stata ristrutturata e riaperta al culto ma resta la paura e non e’ un caso se nel 2003 c’erano 1,5 milioni di cristiani in Iraq e oggi solo 200 mila, 300 mila al massimo. Per non rischiare attentati, la Chiesa ha cancellato le messe di mezzanotte del 24 e 31 dicembre. “Non c’e’ pace e sicurezza, ecco perche’ abbiamo fatto questa scelta”, spiega il vescovo ausiliare del patriarcato di Babilonia Shlemon Warduni.

Anche in Indonesia la situazione, nonostante i tentativi di mettere al sicuro i luoghi di culto, e’ tesa: il presidente Yudhoyono ha pubblicamente annunciato che si temono attacchi e i recenti segnali di intolleranza contro le chiese (demolite o chiuse da bande di estremisti) e contro i cristiani (gli ulema a Banda Aceh hanno vietato gli “auguri di Natale”) non contribuiscono a creare un clima sereno.
I cristiani del Centrafrica, che non hanno mai avuto motivo negli anni scorsi di temere le celebrazioni di Natale,quest’anno, dopo il colpo di Stato del 24 marzo e le violenze sanguinarie dei ribelli islamisti Seleka, hanno paura.
Decine di migliaia di fedeli si sono rifugiati nelle concessioni delle Cattedrali in diverse citta’ del paese e hanno trascorso li’ il Natale, temendo di tornare alle loro case nonostante l’intervento per pacificare lo Stato dell’esercito francese.
In Siria i terroristi islamici legati ad Al Qaeda danno la caccia ai cristiani, perche’ “infedeli”, le cattedrali ortodossa e siriaca di Aleppo saranno prive dei vescovi, Yazigi e Mar Gregorios, rapiti il 22 marzo scorso. A Maloula non c’e’ quasi piu’ nessuno e anche le suore del monastero di Santa Tecla sono state rapite dagli islamisti. (AGI) .



   

 

 

3 Commenti per “Islam: aumentano le persecuzioni ai cristiani in tutto il mondo”

  1. E noi dovremmo addirittura togliere i crocifissi dalle pareti !!! Ma finiamola !!!!!!!!!!

    • Io ne ho messo uno anche fuori casa all’ingresso e comincerò a metterci anche qualche parte dei maiali, e che si azzardassero a toccarli, non ci troveranno la Kyenge e ne quelli del PD e PDL loro compagni ma ci troveranno una roncola ben affilata.

  2. Quando ci renderemo finalmente conto della pericolosità dell’Islam? Non mi scandalizzano tanto le persecuzioni e le uccisioni di Natale, quanto il fatto che non ci sia stato neanche lo straccio di una condanna da parte di un teologo o di un imam autorevole musulmano. Se un cristiano avesse alzato la mano su un maomettano, il giorno dopo sarebbe stato linciato dagli stessi media cristiani.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -