Expo 2015, moschee temporanee nei padiglioni

arab18 dic – La questione moschea per l’Expo la risolveranno in piena autonomia gli «ospiti» di religione islamica che arriveranno a Milano. «Non è pensabile che un Paese come l’Arabia Saudita non preveda un luogo di culto nell’ambito del proprio padiglione», riflette un addetto ai lavori. Stesso discorso vale per gli Emirati Arabi, o per il Qatar. Il risultato, a molti, sembra scontato.

IL DIBATTITO – Mentre Milano continuerà a dibattere sull’opportunità di assicurare un luogo di culto adeguato a tutti i visitatori di religione islamica in arrivo per l’Expo, i principali Paesi musulmani «costruiranno» da soli la propria moschea temporanea per i sei mesi dell’esposizione. In pratica, si tratta di riservare e allestire uno spazio per il culto all’interno dei propri padiglioni, quanto meno per assicurare un luogo adeguato alla preghiera per gli addetti ai lavori.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -