Toglie la bandiera europea, militante Casapound condannato a 3 mesi

sedeUE216 dic – Tre mesi di reclusione e cento euro di multa: e’ la condanna che il giudice del tribunale di Roma ha inflitto a Simone Di Stefano, vicepresidente di Casapound, accusato di furto pluriaggravato per aver sostituito, sabato scorso, la bandiera della Ue della sede di via IV Novembre con quella italiana.

Il giudice ha convalidato l’arresto di Di Stefano e, nell’ordinare la sua scarcerazione, ha disposto l’obbligo di firma presso un commissariato di polizia due volte alla settimana per tre mesi. Il pm aveva chiesto una condanna dell’imputato a 6 mesi di reclusione.

“Quello di Di Stefano – ha spiegato il suo difensore, l’avvocato Domenico Di Tullio – era solo un gesto dimostrativo nell’ambito dell’adesione al ‘movimento 9 dicembre’ (quello dei forconi, ndr), tanto e’ vero che venti minuti dopo lui stesso ha ordinato che il vessillo dell’Ue venisse restituito. Oltre allo sconto di pena previsto per la scelta del rito abbreviato, Di Stefano ha beneficiato della concessione delle attenuanti generiche e di quelle legate al risarcimento del danno”.

In attesa della sentenza, una settantina di militanti di Casapound ha pacificamente manifestato fuori dal palazzo di giustizia, davanti all’ingresso di via Golametto, per esprimere solidarieta’ nei confronti di Di Stefano. Tra le tante le bandiere tricolori sventolate spiccava un maxi-striscione che riportava la scritta ‘Alcuni italiani non si arrendono’. Il tutto sotto il controllo di decine di rappresentanti delle forze dell’ordine. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -