Ma quale rottamatore? Renzi imbarca tutti i vecchi: Prodi, D’Alema, Veltroni…

sinistri

16 dic – Ma non doveva rottamare tutti? Ma non doveva fare del Pd un partito nuovo? Matteo Renzi lo aveva giurato: aveva promesso quel rinnovamento necessario a una forza politica che ha l’ambizione di vincere e governare; aveva promesso di mandare a casa, una volta per tutte, la nomenklatura democratica; aveva promesso grandi novità. E invece, niente. Nel nuovo Pd le poltroncine sono state spartite dal neo segretario con il bilancino secondo scelte da Prima Repubblica.

E così nella direzione ci sono Romano Prodi e Massimo D’Alema e con loro tutti gli ex presidenti del Consiglio, presidenti di Regione, i sindaci delle città metropolitane, gli ex segretari nazionali e i candidati alle primarie: e quindi i vari Bersani, Epifani, Franceschini, Veltroni, Errani... Per quelli che non sono riusciti ad entrare con la clausula “di diritto” approvata dall’assemblea dei delegati, Renzi ha trovato un’altra strada. Ecco allora che per Franco Marini, ex presidente del Senato trombato durante l’elezione del presidente della Repubblica, è stato nomimato nella commissione di garanzia. Restano fuori solo Rosy Bindi e Anna Finocchiaro.

Come presidente del Pd  Renzi ha voluto il suo principale sfidante alle primarie Gianni Cuperlo. Pippo Civati, invece, ha espresso uno dei due vicepresidenti, Sandra Zampa, ex portavoce di Romano Prodi. Promossi anche i ministri Graziano Delrio e Cecile Kyenge e un certo numero di bersaniani doc come Nico Stumpo e i giovani turchi come Matteo Orfini e Stefano Fassina. L’assemblea ha poi eletto il tesoriere: la cassa sarà nelle mani di Francesco Bonifazi, ex capogruppo in consiglio comunale a Firenze.

libero



   

 

 

5 Commenti per “Ma quale rottamatore? Renzi imbarca tutti i vecchi: Prodi, D’Alema, Veltroni…”

  1. Ma avevate dubbi al riguardo? Il viso ha sempre espresso la verità….e si vedeva candidamente che non avrebbe mantenuto neanche una delle promesse fatte…e pensare che la gente ha creduto alle fesserie dette con convinzione dal nuovo bugiardo 2013!!!

  2. Mi meraviglio che qualcuno si meraviglia di chi è Renzi: è un pallone gonfiato, un affabulatore, un venditore di fumo, uno che, come ha affermato Pansa, è vuoto (“sotto la lingua nulla”). E chi rischia di rimetterci le penne è Alfano: se non esce in fretta dal governo verrà fagocitato dal PD targato Renzi il quale farà presto fuori anche Letta e diventerà il Ducetto d’Italia, un piccolo Benito in versione moderna. E’ capace di dire e di fare tutto e il contrario di tutto, è inaffidabile, ambiziosissimo e presuntuoso.
    Gianni

  3. Grazia Dalberto

    Consoliamoci col fatto che almeno la Bindi e la Finocchiaro non ci saranno!

  4. renzie il riciclatore… e questi sono il vecchio che avanza.. proprio avanzi..

  5. Be’ la Bindi sta all’antimafia,anche se lei stessa ha ammesso di non capirne nulla ,la Finocchiaro invece e’ impiegata alla Coop.Ma che rottamazione ,questo e’ solo un rimpasto .Renzi non dire balle,perche’ di balle ne sentiamo anche troppe dai tuoi colleghi del PD al governo.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -