Soldi dell’antimafia per comprare vestiti: arrestata icona della lotta alla ‘ndrangheta

canale13 dic – Macchine, mobili per la casa, vestiti e anche viaggi: Rosy Canale, l’imprenditrice calabrese che tutti consideravano una faccia pulita della Calabria onesta, è stata arrestata dalla Dda di Reggio Calabria perché spendeva i contributi assegnati all’associazione “Donne di San Luca” per se stessa.

Non a caso l’indagine coordinata dal Procuratore aggiunto Nicola Gratteri e condotta dai carabinieri è stata chiamata “Inganno”, considerando che i soldi del Ministero della Gioventù, del Consiglio Regionale, della Prefettura e della Fondazione “Enel Cuore”, da utilizzare per la gestione di un bene confiscato alla famiglia Pelle sono stati invece usati a “fini personali”, motivo per il quale la ludoteca per i bambini di San Luca, inaugurata nel 2009, in realtà non è mai entrata in funzione.

Diventata un punto di riferimento per la lotta alla ‘ndrangheta, adesso la 40enne reggina è accusata di truffa aggravata e peculato, sebbene in passato si sia ribellata alla ‘ndrangheta a cui impedì di spacciare droga nel suo pub-discoteca. Nel 2007, dopo la strage di Duisburg, si trasferì per un periodo ai piedi dell’Aspromonte per fondare il “Movimento delle donne di San Luca”, che avrebbe dovuto sostenere per i bambini del paese.

Nel frattempo Rosy Canale ha continuato la sua attività pubblicando un libro “La mia ‘ndrangheta” per le Edizioni Paoline, e  portando in giro per i teatri italiani lo spettacolo “Malaluna – Storie di ordinaria resistenza nella terra di nessuno”, con le musiche Franco Battiato, già andato in scena in alcune realtà. Nei giorni scorsi aveva ricevuto a Roma il premio “Paolo Borsellino”, e proprio in quell’occasione aveva invitato Papa Francesco ad andare a San Luca.

Pur non essendo indagata per reati di mafia, Rosy Canale è finita in un’inchiesta che ha portato all’arresto di altre cinque persone accusate di reati di ‘ndrangheta.

today.it



   

 

 

1 Commento per “Soldi dell’antimafia per comprare vestiti: arrestata icona della lotta alla ‘ndrangheta”

  1. In Calabria si é acceso e spento un lumicino ,vergognosamente.Quello che poteva essere uno sprone invece fa fare vorticosi passi indietro.Chi si era illuso che la lotta alla delinquenza organizzata fosse possibile,ora si chiude nel guscio.
    .

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -