Immigrazione clandestina: la mafia vende bambini per agevolare gli ingressi

bambiniMADRID, 12 DIC – La mafia che gestisce l’immigrazione clandestina usa anche i bambini, vendendoli a chi cerca di entrare in Europa o di evitare l’espulsione una volta scoperti. Questa crudele tratta è stata scoperta dalla Guardia Civil spagnola che dopo due anni di indagini complesse, alle quali ha partecipato anche l’Interpol di diversi Paesi europei e africani, ha liberato dieci bambini e ha arrestato 12 persone.

Le indagini furono avviate in seguito alla morte, per annegamento, di un bambino che viaggiava con altri immigrati su un barcone proveniente dall’Africa e diretto a Melilla. Quando il suo corpo fu recuperato dai soccorritori, nessuno dei migranti che erano sulla barca lo rivendicò. Questo particolare fece insospettire la Guardia civil che cominciò a scavare più in profondità nel fenomeno, fino a scoprire collegamenti con la mafia che gestisce l’immigrazione clandestina.

A convincere gli investigatori che potesse celarsi anche un traffico di bambini, tutti sotto i dieci anni, furono anche alcuni episodi accaduti al largo della costa spagnola. Quando veniva intercettato un barcone con gli immigrati, questi ultimi minacciavano di gettare in acqua i bambini o di incendiare le barche qualora non fossero agevolati nel viaggio. Quale genitore – si sono chiesti gli agenti – farebbe una cosa del genere? L’inchiesta, denominata ‘Erodoto’, ha permesso di scoprire che per ogni bambino venivano versate dai falsi genitori cifre tra i 1.500 e i 2.000 euro. Si trattava sempre di persone provenienti dall’Africa Subsahariana e dall’Algeria. I bambini venivano comprati prima della partenza e usati come ‘scudo’ in caso di intercettazioni in mare o per altri problemi con le autorità. Una volta arrivati a Melilla, quindi su territorio europeo, appena venivano a mancare le condizioni per cui erano stati comprati i bambini venivano rimessi in vendita. Per alcuni di loro questo è accaduto anche più di una volta.

Scoperto il traffico, sono state avviati anche accertamenti complessi per risalire al DNA dei “genitori” e dei bambini. In 12 casi è risultato che i genitori non erano quelli biologici.

Così i bambini sono stati affidati ai servizi sociali spagnoli di Melilla e gli immigrati clandestini che li avevano utilizzati sono stati rinchiusi in carcere. (di Antonio Andreucci) (ANSAmed)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -