Congo: situazione disperata per 80 italiani bloccati da adozioni

DRCONGO-UNREST-DISPLACED

11 dic – E’ passato più di un mese da quando 26 coppie italiane sono arrivate a Kinshasa per andare a prendere i bambini da loro adottati per vie legali. I circa 80 italiani, che vivono sparsi in condizioni particolarmente disagiate (senza elettricità e pochissima acqua) in vari residence nella capitale della Repubblica democratica del Congo, non possono lasciare il paese con i piccoli perché il governo ha deciso di bloccare l’espatrio di tutti i minori congolesi a partire dal 25 settembre 2013.

“Vivono dentro gli orfanotrofi, accanto ai bambini – ha raccontato una delle mamme attive sul forum per adozioni mammeonline.net, in contatto con una delle coppie – hanno paura che vengano loro sottratti i piccoli”. Nei locali dove risiedono, il generatore elettrico viene acceso un’ora al giorno, il tempo di ricaricare il telefonino per essere raggiungibili. Una delle mamme ha contratto la malaria, ha raccontato “alta marea”, nickname della mamma intervistata, un altro papà ha il morbo di Chron e sta finendo i medicinali, mentre alcuni hanno perso il lavoro a causa della prolungata assenza. A tutti, inoltre, sta scadendo la profilassi malarica, mentre i soldi cominciano a scarseggiare.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -