Camusso: «Lo sciopero generale non è più il modo di difendere i diritti»

camusso

11 dic – E’ la stessa leader della Cgil Susanna Camusso ad affermarlo: «In una situazione di crisi come questa si tratta di uno strumento non più sufficiente a esprimere la protesta dei lavoratori». Da una parte bisogna fare i conti con le difficoltà economiche di chi il posto ce l’ha, ma spesso non può più contare su bonus e straordinari. Senza contare che in una situazione di domanda ridotta al lumicino fare danno all’azienda vuol dire mettere a rischio i posti di lavoro più di quanto non lo siano già. Dall’altra c’è il fatto che molti semplicemente non possono scioperare perché il posto non ce l’hanno in quanto disoccupati.

IL QUADRO – Nell’attuale quadro economico e sociale «non è più sufficiente evocare lo sciopero generale come unica modalità in cui si determina il conflitto sul tema del lavoro», ha così constatato Camusso in un passaggio di un intervento a un convegno sulla rappresentanza nel lavoro e in politica. «L’idea di una forma di protesta che riguarda solo una parte del mondo del lavoro non è più sufficiente – ha argomentato ancora la segretaria generale della Cgil –. Oggi bisogna fare i conti con la difficoltà economica dei lavoratori, con le tante differenze tra chi ha lavoro, chi è in cassa integrazione e chi è disoccupato»



   

 

 

1 Commento per “Camusso: «Lo sciopero generale non è più il modo di difendere i diritti»”

  1. E quanto e bella la Camusso sino ad oggi che avete fatto a difesa dei lavoratori insieme al PD compreso degli altri 2 sindacati Cisl e Uil nulla adesso dopo che il movimento senza sindacati e ne partiti anno fatto quello che non siete riusciti a fare voi, sempre con la solita manfrina di 2 ore oppure 4 ore di sciopero che non serve ad un tubo per non dire un altra parola anche voi pensate ai vostri interessi non quelli dei lavoratori, pensionati, e disoccupati quello che avete fatto e contribuito a peggiorare la situazione, tacete che fate più bella figura!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -