Kyenge: religione come strumento d’integrazione

kyenge4 dic – “In situazioni di profondi e radicali cambiamenti, in epoche di crisi che mettono in primo piano le dinamiche di inclusione-esclusione a tutti i livelli, la religione come strumento d’integrazione costituisce un elemento fondamentale da considerare e sviluppare nei percorsi di inclusione”.

Lo ha detto il ministro per l’Integrazione, Cécile Kyenge, aprendo il primo ‘Incontro delle Religioni per l’Integrazione’, il nuovo organismo di confronto voluto dalla ministra e che comprende rappresentanti di tutte le confessioni presenti in Italia.



   

 

 

5 Commenti per “Kyenge: religione come strumento d’integrazione”

  1. Vediamo un pò se indovino a quale religione allude…

  2. dobiamo diventare tutti musulmani?

  3. Come potrà mai un cristiano integrarsi con un musulmano? un altra occasione persa per stare zitta.

  4. Non sarebbe ora di prenderla a calci in culo ?

  5. Ma questa, perchè non scassa le p…da un’altra parte? Vallo a dire nei paesi musulmani che devono integrarsi con i cristiani…vediamo come potrebbero reagire!!!
    Fiera di essere cristiana!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -