Bce inviò lettere minatorie per costringere Paesi UE a entrare nel programma di “salvataggio”

bce Il testo della lettera della Bce al Governo italiano

«Caro Primo Ministro». Inizia così la lettera strettamente riservata inviata dalla Bce al Governo italiano datata 5 agosto scorso e firmata dal presidente Jean Claude Trichet e dal futuro numero uno dell’Eurotower, Mario Draghi. Una missiva dettagliata pubblicata sul Corriere della Sera, in cui la banca centrale europea indica le misure antispeculazione da adottare «con urgenza» dall’Italia per «rafforzare la reputazione della sua firma sovrana e il suo impegno alla sostenibilità del bilancio e alle riforme strutturali»: dalle liberalizzazioni alla riforma del mercato del lavoro e delle pensioni alla pubblica amministrazione. (sole24ore)

Ecco di seguito il testo della lettera.

 «Caro Primo Ministro,

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea il 4 Agosto ha discusso la situazione nei mercati dei titoli di Stato italiani. Il Consiglio direttivo ritiene che sia necessaria un’azione pressante da parte delle autorità italiane per ristabilire la fiducia degli investitori.
Il vertice dei capi di Stato e di governo dell’area-euro del 21 luglio 2011 ha concluso che «tutti i Paesi dell’euro riaffermano solennemente la loro determinazione inflessibile a onorare in pieno la loro individuale firma sovrana e tutti i loro impegni per condizioni di bilancio sostenibili e per le riforme strutturali». Il Consiglio direttivo ritiene che l’Italia debba con urgenza rafforzare la reputazione della sua firma sovrana e il suo impegno alla sostenibilità di bilancio e alle riforme strutturali.
Il Governo italiano ha deciso di mirare al pareggio di bilancio nel 2014 e, a questo scopo, ha di recente introdotto un pacchetto di misure. Sono passi importanti, ma non sufficienti.

Nell’attuale situazione, riteniamo essenziali le seguenti misure: 1.Vediamo l’esigenza di misure significative per accrescere il potenziale di crescita. Alcune decisioni recenti prese dal Governo si muovono in questa direzione; altre misure sono in discussione con le parti sociali. Tuttavia, occorre fare di più ed é cruciale muovere in questa direzione con decisione. Le sfide principali sono l’aumento della concorrenza, particolarmente nei servizi, il miglioramento della qualità dei servizi pubblici e il ridisegno di sistemi regolatori e fiscali che siano più adatti a sostenere la competitività delle imprese e l’efficienza del mercato del lavoro.
a) E’ necessaria una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali. Questo dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala.
b) C’é anche l’esigenza di riformare ulteriormente il sistema di contrattazione salariale collettiva, permettendo accordi al livello d’impresa in modo da ritagliare i salari e le condizioni di lavoro alle esigenze specifiche delle aziende e rendendo questi accordi più rilevanti rispetto ad altri livelli di negoziazione. L’accordo del 28 Giugno tra le principali sigle sindacali e le associazioni industriali si muove in questa direzione.

La Lettera segreta della BCE all’Irlanda

Forbes in un articolo di agosto 2012 pubblica delle testimonianze su una lettera della BCE in cui si fanno forti pressioni all’Irlanda perché entri nel programma di “salvataggio”, minacciando di tagliarle l’accesso al sistema dei pagamenti. Ma la BCE pretende di mantenere il segreto.

di Karl Whelan
Annunciando di essere disposta ad acquistare titoli di Stato spagnoli e italiani, solo se questi governi fanno richiesta di finanziamento al fondo di salvataggio EFSF, la BCE sta ora esercitando delle pressioni su questi paesi perché firmino degli accordi di salvataggio. Ufficialmente , la posizione di Mario Draghi su come la BCE si relaziona con i governi (come spiegato nella sua conferenza stampa di giugno) è la seguente:
“Io non considero compito della BCE quello di spingere i governi a fare qualcosa. Accedere o meno allEFSFE è solo una loro decisione.”
In realtà, i dati disponibili sul ruolo della BCE nella richiesta di salvataggio dell’Irlanda (in effetti all’epoca sotto la guida del predecessore di Draghi) suggeriscono che questo organismo non sia affatto contrario a spingere i governi nei fondi di salvataggio. Come dimostrano i fatti che seguono, questi dati non incoraggiano a credere che la BCE agisca in modo aperto e trasparente.
Nei mesi che hanno portato all’accordo di salvataggio dell’Irlanda, la BCE era sempre più preoccupata per la quantità di denaro che stava prestando alle banche irlandesi. Ai primi di novembre, sembra che la BCE abbia deciso che c’era bisogno di intervenire.
Il Venerdì 12 novembre 2010, Reuters ha riferito che l’Irlanda era in trattative con l’Unione europea per ricevere finanziamenti di emergenza. Il governo irlandese ha negato che dei colloqui ufficiali fossero in corso. Tuttavia, Brian Lenihan, l’allora ministro irlandese delle Finanze, successivamente disse in un documentario della BBC che quello stesso giorno aveva ricevuto una lettera da Jean-Claude Trichet che lo avvertiva che l’Irlanda sarebbe dovuta entrare in un programma Ue-Fmi. Lehihan ha detto chiaramente che ” la principale forza di pressione per un piano di salvataggio è venuta dalla BCE “.

 

Leggi il seguito  [animated_button align=”none” animation=”swing” color=”red” size=”small” text=”Lettera all’Irlanda” target=”_blank” url=”http://vocidallestero.blogspot.it/2013/11/la-lettera-segreta-della-bce-allirlanda.html#more”]

[dividers style=”2″]

Salta fuori anche la lettera della BCE a Zapatero
Il giornale spagnolo El Paìs riporta che nel libro di recente pubblicazione dell’ex presidente Zapatero si racconta delle ripetute richieste da lui subite di aderire ai “salvataggi”, e spunta fuori anche la lettera della BCE – del tipo di quella inviata al governo italiano – inclusa nel libro come allegato e di cui riportiamo sotto la parte relativa al mercato del lavoro,  che si può direttamente scaricare in PDF dal sito di El Paìs.

Ed ecco i passi più significativi della lettera pubblicata da El Paìs:

Nella congiuntura attuale, consideriamo essenziale l’adozione delle seguenti misure:

1. Consideriamo necessario adottare misure addizionali che migliorino il funzionamento del mercato del lavoro allo scopo di ottenere miglioramenti nella riduzione del tasso di disoccupazione.
a) Il decreto-legge di riforma della contrattazione collettiva approvato dal governo spagnolo il 10 di giugno avrebbe dovuto rinforzare in maniera più efficace la parte degli accordi a livello aziendale allo scopo di garantire un reale decentramento della contrattazione dei salari. Durante il prossimo passaggio parlamentare si dovranno approvare degli emendamenti volti a ridurre la possibilità che accordi industriali di settore  (in ambito nazionale o regionale)  limitino la applicabilità di accordi a livello aziendale.
b) Inoltre, ci preoccupa moltissimo che il governo non abbia adottato nessuna misura per eliminare le clausole di indicizzazione all’inflazione. Dette cklausole non costituiscono un elemento adeguato nei mercati del lavoro dell’unione monetaria, dato che pongono un ostacolo strutturale all’aggiustamento del costo del lavoro, e, per questo, contribuiscono a rendere difficile la competitività e la crescita. Incoraggiamo il governo ad adottare misure audaci e eccezionali per escludere il ricorso a queste clausole in ragione della crisi attuale.
c) Il governo dovrebbe altresì prendere delle misure eccezionali per promuovere la moderazione salariale nel settore privato, in accordo con le riduzioni significative dei salari nel settore pubblico decise un anno fa. Invitiamo il governo a esplorare tutte le vie possibili per realizzare questi obiettivi.
d) Ugualmente, suggeriamo di rivedere a breve la regolamentazione del lavoro allo scopo di accelerare la reintegrazione dei disoccupati nel mercato del lavoro. Vediamo grandi vantaggi dall’adozione di un nuovo tipo di contratto di lavoro eccezionale in cui gli indennizzi per il licenziamento siano molto bassi, e che si applichino per un periodo limitato di tempo. Inoltre, suggeriamo di eliminare tutte le restrizioni alla proroga dei contratti a termine per un certo periodo di tempo.
Considerata la gravità della situazione dei mercati finanziari, consideriamo fondamentale che le misure, nella materia di cui sopra, siano prese nel minor tempo possibile, al massimo alla fine di agosto.

….Seguono le coraggiose misure da adottare per garantire la sostenibilità delle finanze pubbliche, e i saluti affettuosi della BCE.

Leggi l’articolo completo qui >>



   

 

 

2 Commenti per “Bce inviò lettere minatorie per costringere Paesi UE a entrare nel programma di “salvataggio””

  1. Diktat come gli avvertimenti mafiosi!

    • Scusa Enrico ma i veri mafiosi sono lo zucchero nei confronti di questi della Bce, invece chi sono associati ai mafiosi per i loro interessi sono tutt’altra cosa, ( capisci a me ) .

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -