Sulla portaerei da 2 miliardi: stornellatrici, ammiragli e ambasciatori, tutti a Dubai

cavour2 dic – Della portaerei Cavour, costata 2 miliardi di euro di soldi pubblici  e che costa ancora non meno di 200mila euro a giorno, anche da ferma (figuriamoci in viaggio!!)  abbiamo parlato qui. La portaerei Cavour (costata 2 miliardi) diventa fiera ambulante.

“Per sette mesi la portaerei Cavour diverrà fiera navigante, anzi ambulante”. Fra il serio e il faceto, il senatore del Pd Giampiero Scanu spiega perché ritiene inopportuno l’utilizzo della nave da guerra in scenari non consoni alle sue caratteristiche. “E’ vero che sui ponti della Cavour potranno ostentare la loro merce aziende di rango istituzionale, ma è anche altrettanto vero che ad approfittare della mostra mercato ci saranno anche tante aziende private, questo significa mutare completamente la funzione del presidio militare”, dice.

La trasformazione di altre navi militari europee in bastimenti da crociera potrebbe essere già discusso nel prossimo Consiglio europeo, fissato per metà dicembre: all’ordine del giorno ci sono proprio i problemi della Difesa e della Sicurezza.

Dicembre? Sicurezza? Ma quando mai? La portaerei Cavour ha già preso il largo e a bordo che c’è perfino la stornellatrice radical chic Elena Bonelli, tanto amica dei Bertinotti

come ci racconta ominiauto

Lamborghini Veneno Roadster, VIP, politici ed alta cucina. Gli ingredienti d’eccezione c’erano tutti ad Abu Dhabi dove, nel porto Mina Zayed, ha attraccato la Nave Cavour: 240 metri di portaerei ormai rinomati come orgoglio nazionale. “Lamborghini è decisamente apprezzata in questi paesi per le sue supersportive, tanto che il Medio-Oriente è uno dei principali mercati mondiali”, ha ricordato Stephan Winkelmann, Presidente e Ad di Lamborghini, che ha presentato la Veneno Roadster agli owspiti della Cavour, che in passato ha tenuto a battesimo la Fiat Punto Evo.

Oltre a Sua Eccellenza Giorgio Starace, Ambasciatore italiano negli UAE e all’Ammiraglio di Divisione e Comandante delle Forze d’Altura Paolo Treu, c’erano anche l’ex capitano della Nazionale di calcio italiana e campione del mondo 2006 Fabio Cannavaro (che è voluto salire a bordo dell’auto); la cantante e attrice Elena Bonelli, che ha aperto l’evento con l’inno nazionale, e la fashion designer Giada Curtim, che ha realizzato un tableau vivant (per accompagnare i piatti dello chef del famoso hotel Splendido di Portofino Corrado Corti) con le sue creazioni indossate da dieci top model. “Il Sistema Paese si offre oggi coniugando tutte le sue eccellenze: tecnologia, arte, gastronomia, moda per offrire gli straordinari contenuti di qualità e bellezza del Made in Italy”, ha detto il Presidente dell’Agenzia ICE Riccardo Monti.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -