Prato, crocifissi distrutti: il vescovo sminuisce, è atto di un folle

Condividi

 

prato26 NOV – Colpita prima la chiesa di San Pier Forelli e poi la chiesa di San Bartolomeo, in piazza Mercatale, il cuore della città. I crocifissi sono stati entrambi distrutti: quello di San Bartolomeo, in legno, risale al tredicesimo secolo.

“Questa è opera di un alienato psichico, un poveraccio”. Così il vescovo di Prato Franco Agostinelli, che ha visitato le due chiese colpite ieri dal gesto sacrilego di chi ha divelto due crocifissi. “Vorrei ridimensionare il gesto all’opera di un folle: difficile parlare di una coincidenza o di una questione religiosa o ideologica”, ha detto, spiegando che le chiese “sono luoghi di accoglienza che devono rimanere aperti perché questo è il loro ruolo”. La Provincia finanzierà il restauro.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -