Tubercolosi: 400 casi a Milano, colpiti soprattutto i bambini

tbc22 nov – A Milano i casi di tubercolosi solo più del doppio del resto d’Italia. Nel 2012 ne sono stati registrati 400 (18,6 casi ogni 100mila abitanti a fronte di 7,5 casi nella media nazionale). Ad essere più colpiti sono i bambini fino a 4 anni. Ma, come mai l’allarme tbc non cenna a diminuire? «L’aumento della tubercolosi è inversamente proporzionale al Pil. E il Pil diminuisce» spiega Giorgio Besozzi, presidente di Stop Tb Italia.

Un «numero costante di casi a Milano – sostiene – che però non ci deve lasciare tranquilli» anche perchè la trasmissione si può manifestare dopo anni.
«I numeri – racconta Besozzi – sono limitati ma significativi, perchè indicativi di quanto il germe circola nella comunità e possono determinare focolai, come accaduto in una scuola due anni fa». Dunque «occorre tenere alta l’attenzione soprattutto fra le fasce deboli, tenendo conto che il trend della tbc è inversamente proporzionale al Pil». Per l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino «nella nostra città non c’è la situazione drammatica di altri luoghi del mondo, ma occorre essere vigili. È una malattia che se conosciuta può essere facilmente curabile».

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -