Lavoro dei medici, Commissione europea porta la Grecia davanti a Corte UE

corte-ue21 NOV – I medici che lavorano negli ospedali pubblici e nei servizi sanitari in Grecia spesso devono lavorare una media di 64 ore a settimana e oltre 90 ore in alcuni casi, senza nessun limite massimo legale. Questo è il motivo per cui la Commissione europea ha deciso di deferire la Grecia alla Corte europea di giustizia. Atene non rispetta la normativa europea sui limiti dell’orario lavorativo per i medici nei servizi sanitari pubblici. In particolare, la Grecia non assicura che i medici non lavorino oltre una media di 48 ore a settimana, inclusi gli straordinari.

La Commissione Ue considera questa situazione una grave infrazione della direttiva Ue sugli orari lavorativi, che mette in pericolo non solo la salute e la sicurezza dei dottori, ma anche quella dei loro pazienti, visto che medici troppo stanchi rischiano di compiere errori. L’esecutivo europeo è venuto a conoscenza dell’infrazione dopo aver ricevuto diverse denunce dai medici e aveva già richiesto alla Grecia di adottare le misure necessarie per assicurare che la legislazione nazionale e la pratica delle autorità pubbliche fossero in linea con la direttiva. Purtroppo però non è stato fatto ancora nessun progresso concreto, di qui la decisione di adire la Corte Ue. (ANSAmed)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -