Grasso: i figli non sono appendici della propria famiglia

grasso20 nov. – Il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha chiesto che si apra una riflessione sul caso delle ‘baby prostitute’ di Roma e si varino misure contro il disagio giovanile. “Le cronache raccontano che la ricerca da cui e’ iniziato tutto sia stata: ‘come fare soldi in fretta’.

Dobbiamo risvegliarci da questo torpore, oggi e’ piu’ che mai urgente approvare misure contro il disagio, la poverta’ infantile e le disuguaglianze”, ha sottolineato nel suo intervento al convegno sulle adozioni organizzato dalla commissione parlamentare per l’Infanzia. “Dobbiamo avere il coraggio di chiederci: e’ davvero un caso limite o, come credo, ci indica una deriva piu’ ampia? Quanto di tutto cio’ ha a che fare con le difficolta’ economiche e con l’impoverimento del tessuto familiare? Ma soprattutto: cosa abbiamo insegnato a queste ragazze e a questi ragazzi? Quali valori gli abbiamo trasmesso? Quale idea dell’affettivita’? Quale consapevolezza dei rischi avevano? Possibile che anche a quell’eta’ tutto debba ruotare attorno al denaro?”, ha chiesto Grasso.
“Se esistesse un solo dovere per una democrazia evoluta, questo consisterebbe nel saper offrire a ciascun figlio uguali opportunita’ di crescere, giocare, studiare, migliorarsi, uguali tutele e protezioni. Occorre una mobilitazione sociale e culturale che aiuti a vedere i bambini come cittadini e individui dotati di diritti propri, non semplici appendici della propria famiglia, di cui seguono inevitabilmente il destino”, ha aggiunto.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -