Libano: attentato kamikaze all’ambasciata iraniana, 23 morti

libano

19 nov. – Sanguinoso attentato contro l’ambasciata iraniana a Beirut: due kamikaze si sono fatti saltare in aria nei pressi della rappresentanza diplomatica, facendo almeno 23 morti e 146 feriti. Tra le vittime, ha reso noto una fonte della sicurezza, ci sarebbe anche l’addetto culturale dell’ambasciata d’Iran. In precedenza l’ambasciatore iraniano aveva riferito che lo staff della rappresentanza diplomatica era rimato illeso nella duplice esplosione nel quartiere a maggioranza sciita di Bir Hassan, una roccaforte del movimento sciita filo-iraniano Hezbollah a Beirut.

L’agenzia ufficiale libanese Nna ha riferito di due kamikaze, uno a piedi e l’altro a bordo di un’autobomba, che si sono fatti saltare in aria. Morte anche le guardie di sicurezza libanese dell’ambasciata e numerosi civili L’attentato, che ha danneggiato almeno sei edifici nel compound della missione diplomatica e una moschea sciita, e’ avvenuto nel quartiere di Bir Hassan, una roccaforte di Hezbollah, il movimento sciita libanese filo-iraniano e che ha affiancato il regime di Damasco nella guerra civile in Siria. Nel quartiere a maggioranza sciita c’e’ anche una sede del “Partito di Dio”. Per l’attentato sono stati usati 100 chili di esplosivo, secondo la tv libanese Mtv.

Le immagini registrate dall’emittente libanese Al Mayadin, la cui sede e’ proprio nel popoloso quartiere colpito, hanno mostrato scene agghiaccianti: enormi lingue di fuoco tra gli edifici, auto in fiamme, strade e anche alcuni corpi carbonizzati a terra. Tra le vittime, anche un imam, secondo Al-Mayadin, che appartiene a un gruppo audiovisivo dipendente proprio dall’Iran. Il Libano – Beirut, ma anche la citta’ di Tripoli, piu’ a nord e quasi al confine siriano – e’ stato teatro di diversi attentati e scontri nei due anni e mezzo di guerra civile nella vicina Siria. (AGI) .

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -