Cancellieri non e’ indagata. Napolitano apprezza il lavoro della Procura

canc-nap

19 nov. – Annamaria Cancellieri non e’ iscritta sul registro degli indagati: i pm di Torino, pero’, hanno deciso di aprire un fascicolo, inviando gli atti, per competenza, alla Procura di Roma. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha apprezzato la chiarezza e il rigore delle decisioni e delle precisazioni venute dalla Procura di Torino. E’ quanto hanno riferito fonti del Quirinale.

La bufera che ha investito il Guardasigilli per le sue telefonate sul caso Ligresti non accenna a placarsi, nonostante la “fiducia” che da Palazzo Chigi, continua ad essere assicurata al ministro: questo, almeno, fino a eventuali “ulteriori sviluppi” della vicenda. La ‘palla’, ora, dal punto di vista giudiziario, passa ai pm della Capitale, guidati da Giuseppe Pignatone. I colleghi torinesi hanno aperto un fascicolo ‘modello K’ relativo a “fatti nei quali non si ravvisano reati allo stato degli atti, ma che possono richiedere approfondimenti”. In particolare, il fascicolo destinato a piazzale Clodio contiene “documenti acquisiti solo di recente”, ossia i tabulati telefonici e la relativa annotazione della Guardia di Finanza da cui emerge che il Guardasigilli senti’ Antonino Ligresti il 21 agosto, la sera prima di essere ascoltata dai magistrati. Un contatto, questo, di cui Cancellieri parlo’ al pm, che la interrogo’ a via Arenula come persona informata sui fatti, senza pero’ specificare se si fosse trattato di una telefonata (come quella, di 7 minuti e mezzo, emersa dai tabulati) o di un sms di risposta.

La Procura della Capitale dovra’ dunque verificare la sussistenza o meno di un’eventuale ipotesi di reato di false comunicazioni al magistrato. Sul tavolo dei pm, ci saranno anche i contatti telefonici tra la famiglia Ligresti e Sebastiano Peluso, marito del Guardasigilli. Il pg di Torino, Marcello Maddalena, anche ieri ha voluto sottolineare la correttezza dell’operato dei magistrati torinesi. Il ministro finora ha continuato a difendersi, ribadendo di “non aver mai mentito”, e, anzi, di aver tratto “fiducia” dalla decisione dei magistrati di Torino, ma c’e’ chi, come il Financial Times, afferma, citando fonti governative, che potrebbe dimettersi prima di domani, giorno in cui e’ in calendario alla Camera il voto sulla mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 stelle. Poche ore prima dell’appuntamento a Montecitorio, e’ fissata la riunione in cui il Pd decidera’ la linea da tenere: l’assemblea dei deputati del Partito democratico e’ stata convocata per stasera e Pippo Civati ha ribadito la sua intenzione di presentare al gruppo un testo di sfiducia nei confronti del ministro.

Giorgia Meloni, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, parlando del Guardasigilli, afferma: “io farei un passo indietro prima di arrivare mercoledi’ alla conta in Parlamento”. Sostegno a Cancellieri viene invece dai colleghi di Governo. Primo tra tutti, il vicepremier Angelino Alfano (“Abbiamo gia’ dato il nostro sostegno al ministro Annamaria Cancellieri e lo ribadiamo, confortati anche dalle notizie odierne”), mentre il ministro della Difesa Mario Mauro ribadisce: “non credo che sia cambiato nulla ad oggi rispetto a cio’ che abbiamo detto durante il dibattito che c’e’ stato in aula, e credo questa sia anche la posizione del presidente Letta”

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Cancellieri non e’ indagata. Napolitano apprezza il lavoro della Procura”

  1. La coerenza non è della politica. Se la maggioranza del PD ha sbandierato di essere a favore delle dimissioni COME SI PERMETTE IL NAPOLETANO ed il LETTO DI DECIDERE DIVERSAMENTE????? E’ UNO SCHIAFFO ALLA DEMOCRAZIA ED AL POPOLO ITALIANO CHE E’ DISGUSTATO DI QUESTI COMPORTAMENTI GUASCONI. NATURALE CHE IL PD E’ COMPARE DEL PDL

    • Sono pienamente d’accordo, aggiungerei che il PD e ancora peggio dei voltagabbana del PDL, il PD era dico era il paladino dei Poveri invece è diventato il difensore dei ricchi e dei potenti e corrotti, ma datosi che non hanno ne dignità ne onestà basta vedere quello che è successo ieri con i malati di SLA a Roma lasciarli ad aspettare perché dovevano difendere la cancellieri, e questi sono il risultati di chi ci stanno governando, ma io mi ricorderò di questi voltagabbana incompetenti.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -