Prodi ai tedeschi: “non venderete più una sola Mercedes in Europa”

merced

18 nov – (WSI) – “Italy’s Mr Euro urges Latin Front, warns Germany won’t sell another Mercedes in Europe”, ovvero il “Mister Euro italiano incita il fronte latino, avverte la Germania che non venderà in Europa più una sola Mercedes”.

Il Mister Euro è Romano Prodi, citato nell’articolo pubblicato sul Telegraph e scritto da Ambrose Evans- Pritchard.

“Francia, Italia e Spagna dovrebbero battere i pugni sul tavolo, ma non lo stanno facendo perchè si illudono di poter andare avanti da soli”, ha detto Prodi. Ma se la Germania continuerà a imporre la rovina in Europa, “se l’euro dovesse spezzarsi, con un tasso di cambio nel Nord Europa e uno nel Sud Europa, la Germania raccoglierà quanto ha seminato”.

Ovvero, afferma Prodi, “il tasso di cambio raddoppierà e i tedeschi non riusciranno a vendere una sola Mercedes in Europa. Gli imprenditori tedeschi sono a conoscenza di tale situazione ma tutto quello che riescono a fare si traduce in cambiamenti modesti, che non bastano per porre fine alla crisi”.

Prodi avverte chiaramente che l’esito delle elezioni tedesche non cambierà nulla: “L’opinione pubblica tedesca è convinta che qualsiasi stimolo economico a favore dell’economia europea sia un aiuto ingiustificato a favore degli inetti del sud, a cui ho l’onore di appartenere. (I tedeschi) sono ossessionati dall’inflazione così come i teenagers sono ossessionati dal sesso. Non capiscono che il vero problema oggi è la deflazione, ed è un anno che lo vado ripetendo”.

L’ex premier si scaglia contro le politiche di austerity, e afferma che è ovvio da molto tempo che l’Italia non riuscirà a ripristinare il controllo sui propri conti pubblici in condizioni di recessione. “Il rapporto debito/Pil è in crescita da tre anni nonostante l’austerity. Si tratta (l’austerity) di una politica fallimentare (rapporto debito/Pil 119,3% nel 2010, 120,8% nel 2011, 127% nel 2012, 132,3% nel 2013, stando al Fiscal Monitor del Fondo Monetario Internazionale”.



   

 

 

9 Commenti per “Prodi ai tedeschi: “non venderete più una sola Mercedes in Europa””

  1. Prodi adesso si mette a fare anche il comico !

    • Può essere, ma qui la situazione precipita nonostante le politiche di austerità?
      Bisogna cominciare a pensare che, probabilmente, favoriscono qualcuno, ma ne danneggiano molti.
      Andiamo avanti così?
      Per dove?

  2. Prodi fa come il coccodrillo prima si magia i figli e poi piange sto p………..o, prima ci ha rovinato e poi altro che comico.

  3. Ma veramente il signor Prodi si è dimenticato che proprio lui ci ha trascinato a qualsiasi costo nell’Euro? Ora prevede di uscirne!! Con l’avvento dell’Euro i nostri salari, pensioni, stipendi,risparmi hanno perso il 50% del potere di acquisto, se ne uscissimo perderemmo un altro 50% di quello che ci è rimasto.
    Questa è la nostra classe politica di incompetenti, lasciamo perdere i ladri ai quali andrebbero tagliate le mani come fanno in qualche paese islamico.

  4. Il fatto e’ un altro non dovevs essere ums sola europa perche I tedeschi possono dettare gli italiani le mercedes e toyota non le dovevano comprare da tempo idioti (io ho l’alfa e sono onorato la mia peggiore macchina riuscita propio una mercedes) svegliatevi che veramente la germania dovrebbe ancora pagare I danni della guerra invece gli leccano il culo belli I nostri politici che gusrda caso la auto blu la vuole tedesca e tu PAGAAAA .LADRI BASTARDI V AFFANCULOOOOOO

  5. Prodi vorrei ricordarti che sei stato te a sottometterti all europa

  6. la situazione è cambiata grazie a chi ha gestito malissimo il nostro paese che non ha saputo coglier i vantaggi derivanti dall’euro ma ha dissipato tutto.E’ ovvio che allo stato attuale i ragionamenti da fare sono diversi e Prodi che non è un cretino dice cose giuste.Chiediamoci come siamo arrivati a questo punto.

  7. bellino si !!!!! prima ci ha messo in ginocchio e dopo crede di risolvere così !!! IPOCRITA !!!!

  8. Voglio ricordare che il popolo non ha mai espresso l’intenzione di una adesione dell’ Italia in europa, ma al contrario, il popolo è sempre stato dissinteressato e timido a riguardo. Chiediamoci cosa? Chi ci ha fatto entrare con l’europa e con l’appoccio di chi? Del favore popolare? L’errore fu di fidarsi di loro e non aver fatto una manifestazione (o marcia su Roma all’epoca). Anziché fidarsi di pareri falsi, notizie false e osservare in silenzio il mutarsi di una grave situazione (nascosta ancora oggi dai giornali e dalla televisione). Ricordo che con la crisi sono morte delle persone, quelle di Prodi sono lacrime di coccodrillo! Ps: poi di cogliere i vantaggi, le intenzioni c’erano, ma chi sta al potere era impegnato a impedirlo.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -