“Mi insultano”. Esattore Equitalia si barrica in casa e minaccia il suicidio

equitalia13 NOV – Un parafulmine del malcontento. Costretto ogni giorno, lui ultima ruota del carro, a incassare i colpi che la gente vorrebbe invece “inviare” ai piani alti del palazzo. E così un uomo di 38 anni, esattore per Equitalia, s’è barricato nel suo appartamento milanese minacciando il suicidio, esasperato dalla mole di insulti che il suo mestiere lo costringe quotidianamente a sopportare.

A salvargli la vita è stata la madre, 77 anni, che ha chiamato le forze dell’Ordine dopo aver ascoltato lo sfogo del figlio. Gli agenti sono riusciti ad entrare in casa dell’aspirante suicida, trovandolo visibilmente ubriaco. All’ospedale Fatebenefratelli, dove l’esattore è stato portato, non gli hanno riscontrato né segni di lesioni autoinflitte né tracce di abuso di medicinali. Solo i segni della sbronza. Ambasciator non porta pena, recita un antico adagio. Ma per gli esattori Equitalia, evidentemente, la vita non deve essere così facile.



   

 

 

1 Commento per ““Mi insultano”. Esattore Equitalia si barrica in casa e minaccia il suicidio”

  1. E’ vero che una persona non può essere insultata per un lavoro….ma a questo punto se stai cos’ male, lascia il posto e cercatene un altro..oppure è remunerativo a livello di stipendio? Resta pur sempre un lavoro pubblico!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -